sabato 12 marzo 2016

Dal Diario di Lei: Lei non è una buona mucca

Lei ricorda una bimbetta curiosa in piena "fase dei perchè", che la tempestava di domande su questo e quell'argomento.
Domande dirette,
a bruciapelo,
senza possibilità di sviare il tema.
"Dov'è finita la tua mucca, mamma? Sta dormendo adesso?"
Bimba pensava che Lei avesse una mucca addormentata dentro la tetta.
Ecco perchè la mucca non faceva più latte!
Quando Lei è diventata mamma per la seconda volta e le sue tette sono diventate magicamente da calendario, non ha potuto fare a meno di pensare:
"Toh, la mucca si è risvegliata. Chissà se questa volta sarà una buona mucca."
La prima volta era stata una mucca scarsa, ma era la prima volta.
Ora Lei voleva assolutamente fare del suo meglio.
Lei si era preparata.
Era pronta.
Il web ogni giorno sforna quintalate di bite sul tema, facendo dell'allattamento materno uno degli argomenti più discussi in assoluto.
La prima volta Lei si era sentita una madre non adeguata.
L'avevano fatta sentire così.
E ne aveva sofferto.
Ci hanno provato anche questa volta.
Ripetendole il sacro mantra: "Continui con la stimolazione, insista, il latte verrà!"
Ma Lei non produce figli, ma piccoli giganti famelici e la sua mucca, ahimè, non è una buona mucca, perchè nonostante le insistenze, anche questa volta si è tarata sulla versione contagocce.
Lunedì sono tre mesi.
E da qualche giorno, pare che mucca si sia addormentata definitivamente.
Lei e Ometto non si sono persi d'animo.
Ometto le tiene ben salda la mano.


E questo la rende felice.
Lui sta bene, cresce bene, in barba alle bizze della mucca riottosa.
Lei pensa che sarebbe stato bello e buono allattare ancora un po' ma, come dodici anni fa, ha la coscienza di aver fatto del suo meglio.
Lei ammira chi ce la fa.
Ma ringrazia di cuore chi ha inventato il latte artificiale, che mai e poi mai sostituirà quello materno, ma è fondamentale per casi come il suo.
Lei non è una buona mucca, ma cerca di essere ad ogni istante una buona mamma.

Dedicato a tutte le mamme che hanno avuto e avranno problemi con l'allattamento al seno.
Se vi va di raccontarmi la vostra esperienza sarò lieta di leggervi e condividerla con voi.

To be continued...

Foto: Cristina

6 commenti:

  1. mi sono commossa....io sono una mucca pessima...https://storiadiunamammaitalianaemigrataallestero.wordpress.com/2015/10/10/anche-un-biberon-puo-stillare-gocce-d-amore/....questa è la mia esperienza...ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua esperienza, anch'io mi sono ritrovata in quello che hai scritto e da oggi hai una follower in più. Torna anche tu a trovarmi quando vuoi :)

      Elimina
  2. Ho avute due figlie e non sono riuscita ad allattarle. Per me non è stato un problema per fortuna, anche se mi è spiaciuto non farlo almeno per un po'. Si può dare amore anche con un biberon in mano e tante coccole e parole tenere. Complimenti per il tuo blog, e poi sei di Illegio che adoro come paese e per le sue mostre. ^_^ Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non sono di Illegio, ma di Udine, però sono andata a tutte le mostre di Illegio e, concordo, è un paesino incantevole :)

      Elimina
  3. oh io ho avuto un'ottima mucca. il late mi cascava a gocce in giro per casa. Peccato che le mie tette siano della peggior specie. Non ho allattato nessuno dei miei due figlioli. anche loro, col biberon, mi tenevano la mano, specie il grande. a me è spiaciuto parecchio, avendo avuto due cesarei pensavo che almeno quell'atto materno lo avrei potuto compiere. Invece nisba. Che dire, gloria al latte artificiale e al bando i sensi di colpa: i figli crescono sani e amati ugualmente! Baci.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...