sabato 5 ottobre 2013

La creatività dei miei viaggi: Vienna vintage

Non c'è niente di meglio di un grigio pomeriggio autunnale per far volare la mente fra i ricordi.
L'occasione è il tema proposto da Monica per la sua iniziativa "Il Senso dei miei Viaggi" , ovvero, come leggete nel titolo di questo post, un qualcosa che riguarda la creatività e naturalmente i viaggi.
Quando giorni fa ho visto lo schizzo postato sul blog di Monica, mi è tornato in mente un qualcosa.
Non ci sono arrivata subito, ma poi, passando a casa di mamma, mi sono ricordata e ho recuperato il suo album sull'Austria.
No, non una guida stampata, ma un album creato da lei quando era ragazza.
E sono tornata indietro nel tempo.
A quando bimba come la mia Bimba lo avevo scoperto in un armadio e me ne ero innamorata.
Avevamo una parente a Vienna, una cugina di nonna che era come un'altra nonna, si chiamava Gioconda e sapeva fare dolci buonissimi.
Lei e il marito erano emigrati nella città di Sissi nei ruggenti anni trenta del secolo scorso e avevano aperto una gelateria, poi andati in pensione erano tornati in Italia.
Ma Gioconda tornava spesso a Vienna e in uno dei suoi viaggi la accompagnammo anche io e mamma.
Avevo 15 anni, era il Ponte dei Santi e portai con me, tra le altre cose, anche il libro per studiare latino.
Faceva freddo.
C'era la neve.
Ma erano anni che sognavo quella città e furono 5 giorni fantastici.
Non c'erano smartphone, tablet, macchine digitali, anzi non avevamo nemmeno la macchina fotografica "normale" perchè l'avevamo dimenticata a casa, ma se chiudo gli occhi anche ora e ci penso, tutto mi ritorna vivido come un bel film, di quelli che ti suscitano talmente tanti bei sentimenti che non li puoi cancellare nemmeno col candeggio.
Ma torniamo al primo responsabile della mia passione, ovvero l'album di mamma, perchè è di quello che vi voglio raccontare è lei l'artista a cui voglio "rubare" le immagini per Monica e condividerle con voi che mi leggete, che passate di qua a sbirciare.
All'apparenza sembra proprio un vecchio album...


Poi si apre e...


Inizia il viaggio...




Il castello di Schoenbrunn con la neve sembrava surreale allora, tanto quanto in queste immagini in bianco e nero e in seppia.

.





E non ci crederete, ma rivedendo le immagini del Teatro dell'Opera sento ancora il sapore dello strudel di mele con la crema calda che mangiammo alla pasticceria Aida..



A già... che scioccarella, mi sono fatta prendere.
Avrei dovuto postare solo tre foto.
Scusa Monica, ma mi sono lasciata placidamente trasportare dai ricordi.
Quindi ora non mi resta che questa ultima immagine


Il tutto per gentile concessione di mamma Daniela :)

L'appuntamento è per tutti sul blog di Monica il giorno 10 per sfogliare le pagine della Moleskine del viaggiatore che raccoglierà tutti i contributi di questa splendida idea.

A seguito di questo post e in particolare della sua preparazione, causa ritrovamento del prezioso album, si registra da parte di Elena la richiesta di visitare al più presto Vienna.

Vi terrò aggiornati su eventuali sviluppi :)

Buona domenica a tutti!

Foto: Elena


12 commenti:

  1. Che post meraviglioso! A Vienna (ahimè) non sono mai stata, ma ora è certamente sulla mia wish list! E il profumo di quella fetta di strudel...che favolosa sensazione (favoloso, proprio da "favola"!)!
    Una scoperta meravigliosa, quell'album...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vienna è molto molto bella e si mangia benissimo :) Un altro gusto imperdibile è l'aroma intenso di una fetta di sacher...

      Elimina
  2. Che bellissimo album e che bellissimi ricordi.
    Mi è venuta voglia di visitare Vienna, non di oggi ma di quando avevi 15 anni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piacerebbe tornare a quei tempi, magari solo il tempo di un viaggio ;)

      Elimina
  3. Caspita che lavoro!
    Complimenti alla mamma, veramente brava.
    E che bel ricordo per te.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  4. E dopo Bimba è la volta di Nonna ... bellossimo!!! Non sai quanto mi piace questo coinvolgimento formato family per la nostra iniziativa mensile :)

    PS: non voglio nemmeno immaginare il sapore di una sacher preparata da Gioconda ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica... Sì, i dolci della zia Gioconda erano qualcosa di incredibile e, penso, irripetibile...

      Elimina
  5. quanto mi piacerebbe avere degli album fotografici così!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Cristina! Ma che bel ricordo e che brava la tua mamma! E' perfettamente in tono con l'atmosfera romantica di Vienna.

    RispondiElimina
  7. Grazie di cuore Alessandra e buona giornata a te :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...