lunedì 5 novembre 2012

Le pietre dei miei viaggi

E niente, io arrivo all'ultimo anche per parlare di pietre, naturalmente aiutata dalle foto di Elena, che non si lascia scappare l'occasione per pubblicare il frutto del suo attento obiettivo.
Questa volta, su ispirazione di Monica, parliamo dunque di pietre..ehm.. ma non pietre qualsiasi (che per altro ci piacciono molto, perchè secondo noi ogni pietra è un pezzo di storia della terra ed è per questo che spesso ci perdiamo a raccoglierle e rimirarle un po')..
Pietre storiche, pietre archeologiche, pietre dal sapore millenario..ehm.. non è che le abbiamo assaggiate, ma se continuerete a leggere non potrete non considerare che anche la pietra può avere un suo sapore!

Pietre storiche
Iniziamo il nostro viaggio scoprendo una meraviglia a pochi chilometri da dove vi stiamo scrivendo, ossia il Tempietto Longobardo di Cividale del Friuli in Provincia di Udine.


Questo piccolo edificio, la cui destinazione originaria è ancora un mistero, è noto anche come Oratorio di Santa Maria in Valle.
La sua costruzione e la sua decorazione in stucco (composto di gesso, calce e polvere di marmo) risalgono a poco dopo la metà dell'VIII secolo, cioè intorno al 760 d.C.
Nel 1893 le monache del convento benedettino donarono il Tempietto alla comunità di Cividale ed in tale occasione fecero costruire il passaggio pensile di accesso sul greto del fiume Natisone, per evitare che i visitatori disturbassero gli ambienti adibiti alla clausura.
Nel 2011 anche il Tempietto Longobardo è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nell'ambito del sito seriale "Italia Longobardorum. I luoghi del potere (568-774)", come vi avevo anche raccontato qui
Credetemi che la bellezza e delicatezza degli stucchi lascia davvero senza parole!
Se volete saperne di più vi lascio anche questo link: http://www.tempiettolongobardo.it/_it/

Pietre dal sapore millenario
Tornando al discorso di prima sul sapore delle pietre, se avete occasione di visitare la Polonia, in particolare la regione di Cracovia, vi consigliamo una visita alle straordinarie Miniere di Sale di Wieliczka.
Si tratta di una delle più antiche miniere di sale ancora operative al mondo, risale infatti al XIII secolo.
Nelle gallerie attualmente percorribili dai turisti ci sono statue e scenografie che ricostruiscono la storia della miniera e raccontano dei personaggi che la visitarono, come Copernico, Goethe o Papa Giovanni Paolo II. La parte più monumentale è sicuramente la cappella dedicata a Santa Kinga, ove persino i cristalli dei maestosi lampadari sono fatti di sale.  


E' patrimonio dell'UNESCO dal 1978.

Pietre che emozionano a prima vista
"Mamma ma allora è proprio vero che Venezia è costruita sul mare, ci sono le conchiglie persino nei mattoni e io riesco a trovarle anche qui!"
 

Questo post, come vi dicevo, partecipa alla nuova tappa dell'iniziativa il Senso dei miei Viaggi promossa da Monica, che Elena ed io ringraziamo di cuore per la straordinaria capacità di far rivivere le nostre esperienze di viaggio e i conseguenti ricordi, da un'ottica sempre diversa e sempre molto, molto interessante.
Prima di salutarvi vi ricordo che il 10 novembre Monica ci regalerà il post finale di questa avventura, che racchiuderà i tesori archeologici dei nostri viaggi, riportati alla luce attraverso le varie immagini dei post partecipanti all'iniziativa.

Buon inizio settimana a tutti voi e grazie ancora per il vostro costante affetto di lettori!

Foto: Elena

10 commenti:

  1. Non posso che concordare sul Tempietto Longobardo. Mentre sulle mille di sale ho solo sentito anedotti di cari amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le miniere di sale sono davvero incredibili...Confesso che all'inizio avevo un po' di timore a scendere perchè sono un po'claustrofobica, ma mi sono talmente lasciata distrarre dallo spettacolo sotterraneo che una volta dentro (ascensore dei minatori a parte) non ci ho pensato più :)

      Elimina
  2. Corro a nascondermi dalla vergogna, perchè il tempietto longobardo non l'ho ancora mai visitato ...
    mi sa che aspetterò che Samir li studi a scuola, così ci sarà più gusto per entrambi!!! Intanto mi limito a ringraziarti per avermi ricordato che esiste e che è a pochissimi km da casa ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordati quando decidi di venire a vederlo di farcelo sapere così ci andiamo assieme ;)

      Elimina
  3. cioè della serie che stare 24 ore scarse in Friuli è decisamente troppo poco. devi organizzare un altro convegno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farò il possibile per farti tornare Mari!!

      Elimina
  4. che bei posti (ammetto a me sconosciuti). mannaggia in friuli non sono mai stata e della polonia ho visto solo wroclaw. almeno per il friuli devo recuperare!!!!! ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Friuli offre tante cose diverse ma è ancora poco conosciuto. A me piace raccontarlo anche per questo :)

      Elimina
  5. i miei genitori hanno visitato qualche anno fa la polonia e parlano spesso di queste miniere... ci voglio andare pure io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono incredibili, Federica, meritano davvero una visita se se ne ha l'occasione!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...