domenica 25 marzo 2012

Metti un sabato al mercato di Piazza XX Settembre...

Sabato è sabato..Una giornata che mi mette indiscutibilmente di buon umore.
Iniziarlo girando per la mia cara città, Udine, perdendomi tra i banchi del mercato di Piazza XX Settembre, un mercato piccolo ma bello, non ha prezzo.
Dopo aver lasciato bimba a scuola, aver salutato l'Angelo del Castello, rilucente di luce primaverile,


passando davanti all'imponente Duomo,


entro nella piazza e mi faccio rapire dai colori, dal vociare della gente, cercando un'ispirazione per il pranzo...




Ed ecco il risultato del mio peregrinare...


Che ne dite? Non fa venir voglia di mettersi ai fornelli? Ma prima qualche nota sulla Piazza...

Piazza XX Settembre era occupata fino al 1717 dal palazzo della potente famiglia udinese dei della Torre. In quell'anno, per volontà della Serenissima Repubblica di Venezia, la proprietà in questione fu demolita per rappresaglia. Nel 1797, caduto il governo veneto, i della Torre ottennero la restituzione del fondo che fu adibito a mercato dei polli, delle granaglie, del pesce e altre cose, finchè fu venduto prima alla famiglia Antivari e poi alla famiglia Angeli e infine acquistato dal Comune nel 1868. Questi passaggi spiegano anche i vari nomi della piazza: Plazze Torriane, dal Fisc (del fisco), dai Grans (dei grani) . L'attuale intitolazione ricorda l'entrata in Roma delle truppe italiane il 20 settembre 1870. Fino al 2008 era un parcheggio. Dal 2010 ospita il mercato che era in Piazza S. Giacomo, le cui immagini trovate proprio all'inizio di questo blog qui . Nella piazza inoltre è attivo un servizio di bookcrossing per lo scambio di libri e la lettura. L'area è dotata di connessione wi-fi gratuita. Per ulteriori informazioni e per giornate e orari del mercato potete leggere qui .

Ma torniamo ai fornelli... Per il nostro pranzo del sabato ho preparato le capesante gratinate, secondo la ricetta che avevo postato qui .
E poi questa pasta...

Torchietti al salmone, zucchine e robiola

Ingredienti (per due)

140 g pasta corta all'uovo (io ho usato i torchietti Barilla)
100 g di salmone affumicato
80 g di robiola
4 piccole zucchine
uno spicchio d'aglio
prezzemolo
olio, sale e pepe

Tagliate la zucchine a piccoli pezzi


e fatele saltare in padella con un trito di aglio e prezzemolo e due cucchiai di olio extravergine d'oliva per circa dieci minuti.
Aggiungete il salmone, regolate di sale e pepe (preferibilmente pepe bianco)


 e unite la robiola che farete sciogliere utilizzando l'acqua di cottura della pasta.


Scolate la pasta e amalgamatela al condimento...ecco così...



La foto nel piatto non sono riuscita a farla..è stata mangiata prima!

Ok, questo era il sabato e la domenica? Uh..a parte un po' di stordimento dovuto al cambio dell'ora e una serie di lavoretti domestici assolutamente necessari, c'è stato il tempo per una camminata (di cui vi parlerò un'altra volta) e per realizzare il lavoretto per l'iniziativa i Mercoledì dell'Arte promossa da Giorgia .

Il tema questa volta è il mandala e queste sono le interpretazioni di Elena...

Big Mandala


e little mandala (le conchiglie erano veramente piccolissime..ha avuto una pazienza!


E infine spuntino disposto a tema :)


Buona serata e buon inizio settimana a tutti!!

Foto: Cristina e Elena

14 commenti:

  1. Bellissime brava Elena, ottima scelta le conchiglie. Un saluto alla creatrice :-)

    RispondiElimina
  2. questa pasta mi ha fatto venire una fame!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provala è buonissima, facile e rapida da preparare :)

      Elimina
  3. Buona la pasta e belli i mandala! Ma quanto brave siete tu ed Elena?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che mettere tante cose carine sul blog ci piace un sacco! ;)

      Elimina
  4. Cara Cristina,
    che interessante la storia della piazza... e con le bancarelle la piazza sembra diversa!
    Mi manca la tua città...

    Ti ringrazio di cuore.
    Penso di non meritarmelo, ma ti sono davvero grata... grazie!

    Scusami per il ritardo, ma in questi giorni non potevo accedere qui, al tuo blog, non so perché... ma finalmente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Titti, in effetti c'era stato un problema..il blog era entrato in contatto con un altro blog che aveva un virus, ma ora è tutto risolto! Possiamo dire che il blog ha avuto l'influenza :D

      Elimina
  5. Fate venire voglia di creare... Noi italiani poi abbiamo un senso dell'equilibrio, in cucina di sicuro, ma anche nelle arti visive e mi sa anche quelle musicali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace creare..ma la cosa che mi piace di più è vedere che questa creatività l'ho trasmessa a mia figlia! Poi c'è il rovescio della medaglia..ogni tanto sono un po'sbadatella..ma per fortuna il mio lui compensa. Lui è uno preciso!

      Elimina
  6. Mi piace andare al mercato, è vero tutte quelle verdure e tutti quei colori invogliano a indossare un bel grembiule e accendere i fornelli.
    Quando poi la cornice è questa magnifica piazza?
    Che giornate ricche hai, complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie giornate sono davvero complesse, anche perchè mi piace fare tante cose, non solo il prosaico lavoro.. Il mercato è un momento di relax, mi immergo nei colori e nei sapori e lascio a briglia sciolta la fantasia.

      Elimina
  7. Ciao Cri, dopo passi qui? ^^

    http://chicchecoccole.blogspot.it/2012/03/its-real-pleasure.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che passo, volentieri!! Vado...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...