venerdì 30 marzo 2012

Campane...

Martedì pomeriggio io ed Elena abbiamo avuto una singolare fortuna, ossia quella di vedere le campane del Duomo di Udine da vicino, prima che vengano nuovamente issate sulla torre campanaria dopo il restauro.
Davvero un'emozione...
Nel 1918 le campane di allora erano state prelevate per utilizzarne il bronzo per quei cannoni che con i loro colpi insanguinavano l'Europa, dilaniata dal primo conflitto mondiale. Nel 1919, a guerra finita, il re Vittorio Emanuele III donò il bronzo necessario per realizzare le nuove campane, che furono issate nel 1920. Da allora le cinque signore non erano mai scese...
Per un paio di giorni si sono concesse agli occhi ammirati e incuriositi di udinesi e turisti, tutti armati di telefonino o macchina fotografica per una foto ricordo, specie con la più alta, quella centrale, che supera i due metri.




E noi le condividiamo con voi , qui sul blog, sperando di farvi cosa gradita.

Anche nei dettagli, immortalati da Elena con la sua fida macchina fotografica...




Le campane suoneranno di nuovo in occasione della Pasqua, dopo tutte le verifiche del caso, ma io solo a vederle qui ne sento già i rintocchi.
Immagino che anche loro sarebbero felici di annunciare l'iniziativa del WWF che ci sarà domani, ossia l'Ora della Terra...


Un'ora per spegnere le luci accecanti del mondo frenetico di tutti i giorni e fermarsi a riflettere, magari alla luce quasi magica di una candela, sulla bellezza di questo mondo su cui abbiamo la fortuna di essere di passaggio...

Domani dalle 20.30 alle 21.30 spegniamo tutti la luce!

Per info: http://wwf.it/oradellaterra/

Foto: Elena

13 commenti:

  1. Brava Elena, come al solito. Falle una carezza da parte mia :)
    Sai, mi piace tanto questa idea di spegnere le luci, sdraiarmi sotto il cielo stellato e finalmente ammirarlo in tutto il suo luminosissimo splendore! Che dici, lo facciamo? Ti penserò, cara Cris :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ti ho pensata Angela, non ero sotto il cielo stellato ma sul divano a leggere storie a Elena a lume di candela..vale lo stesso ;)

      Elimina
  2. Un avvenimento raro vedere le campane ai nostri piedi invece che lassù a cantare per noi. Un saluto cara Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Tiziana, come dicevo, è stata un'emozione :)

      Elimina
  3. Siete davvero fortunate... e grazie per averci fatto vederle...
    Sono bellissime e mi par di sentire i suoi rintocchi anch'io...
    Complimenti per Elena, e Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Titti e buona Pasqua anche a te...Noi abbiamo le campane tu la meravigliosa fioritura dei ciliegi!

      Elimina
  4. Che bella storia ! Grazie per raccontare Udine anche a noi udinesi ! Complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, raccontare Udine è una passione che non mi abbandonerà mai!

      Elimina
  5. Veramente una cosa fuori dal comune!
    Io, come al solito mi son persa l'ora della terra...l'anno prossimo lo segno in agenda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma puoi fare l'ora della terra di Fà...un momento di relax a lume di candela, è qualcosa di strepitoso!

      Elimina
    2. Ottimo suggerimento!

      Elimina
  6. Mi hai fatto venire in mente Quasimodo, il gobbo di notre dame, e quanto lui amasse profondamente le sue amiche campane. Sarà sicuramente una bella emozione sentirle di nuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca poco e risuoneranno di nuovo :) Anch'io ho pensato a Quasimodo ammirandole!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...