domenica 27 marzo 2011

Dolcezza alle mele

Metti una domenica uggiosa e pioggerellosa, nulla a che vedere con il cielo azzurro dei giorni scorsi. Aggiungi una sorta di sfasamento dovuto al cambio dell'ora e tanti lavoretti da fare in casa.. Conseguenza? Una voglia di dolce da condividere con voi :)
La ricetta di questo strudel è un mix della sapienza culinaria di nonna e di sua cugina Gioconda.
Gioconda era emigrata in Austria e assieme al marito Bernardo aveva gestito per tantissimi anni una gelateria a Vienna. Era un'altra cuoca da cui imparare moltissimo, in particolar modo sui dolci.
Per me è stata come una terza nonna :)
Questa ricetta è veloce e ci può servire se vi avanzano delle mele, oppure, ad esempio dei biscotti. Necessita di pochissimo zucchero aggiunto perchè gli ingredienti sono già zuccherini.

Strudel di mele

Ingredienti:

2 grosse mele
1 confezione di pasta sfoglia pronta
una manciata di uvetta
una manciata di pinoli (questa volta li avevo terminati per cui ho usato le mandorle a scaglie)
6 amaretti
4 biscotti secchi
4 cucchiaini da té di zucchero
scorza di limone
cannella
due dita di marsala secco (allungato con lo stesso quantitativo di acqua)
zucchero al velo

Tagliate le mele a pezzettini e ponetele in una ciotola assieme ai pinoli, allo zucchero, agli amaretti, alla scorza di limone e alla cannella.


Bagnate con il marsala allungato con l'acqua e lasciate riposare per almeno 1/2 ora.
Mettete a bagno anche l'uvetta in acqua tiepida.
Distribuite il composto sulla sfoglia, sbriciolatevi sopra i biscotti e arrotolate.



Ponete in forno già caldo a 200° per 30 minuti circa.


Servite tiepido e cosparso di zucchero al velo.


Una fetta virtuale per ciscuno di voi, cari lettori, spero sia di buon augurio per l'inizio della settimana!

Foto: Cristina e Elena


14 commenti:

  1. Mamma che buona!! Questa proprio devo provare a farla!
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  2. Grazie Angelina, provala perchè è davvero buona :9

    RispondiElimina
  3. @Titti, Imperfect vi ho risposto nel post precedente.

    @Benvenuta a Raffaella, mio ventunesimo follower!

    RispondiElimina
  4. Mamma mia ste ricettine.... mh.... strudel alle mele :P

    RispondiElimina
  5. Noi ieri siamo andati al mare! Primo bagnetto!!

    RispondiElimina
  6. @ Buon inizio settimana Kisal!

    @ Che invidia Angelina!! Qui oggi diluvia ed è tornato un po'freddino, sembra autunno..sob..

    RispondiElimina
  7. Ciao! La ricetta è simile a quella della mia mamma, solo che, al posto della temuta cannella, lei ci mette il cacao amaro.
    Buono!!!

    RispondiElimina
  8. Interessante anche la variante con il cacao amaro proposta dalla mamma di Fà.. Che ci volete fare, io sono cannella dipendente, ma appunto sono un caso clinico :) Mumble.. Però con il cacao ci vedrei benissimo anche le pere :9
    Gnam... Si vede che ho fame? Sto aspettando lui, che, come sempre tarda incastrato in qualche riunione... Mi sa che non aspetterò ancora per molto!

    RispondiElimina
  9. Voglio subito una fetta di questo strudel!!! Subitooooo!!!! Io AMO lo strudel!!!

    RispondiElimina
  10. Saparunda, potrei incartarla e spedirtela :D
    Strudel per corrispondenza.. il mercato del futuro!

    RispondiElimina
  11. Ciao!
    Nel post precedente ci avevi detto di raccontare le eventuali visite col FAI, quindi ecco la mia.
    Sono andata a Udine a visitare palazzo Antonini-Belgrado, sede della provincia di Udine. I ragazzi delle scuole superiori della città ci hanno raccontato con estrema precisione le scene narrate negli affreschi del Quaglio, ci hanno ragguagliato sugli stucchi, sugli arazzi (in realtà tessuti dipinti) dell'omonima sala e su alcuni avvenimenti della storia del palazzo. Pare che Napoleone, durante una delle sue visite, avesse omaggiato la padrona di casa con uno scialle di seta. La decorazione dello scialle è stata poi riprodotta negli affreschi che decorano la sala del velo: le pareti sono coperte da un affresco che riprende il drappeggio del tessuto.
    Purtroppo per il palazzo della Banca d'Italia c'era così tanta fila che abbiamo desistito :-(

    RispondiElimina
  12. E vabbè, ma io sono sempre a dietaaaa! :S

    RispondiElimina
  13. Sembra buonissima... come se mi giungesse un profumo dolce...
    E sei fortunata di aver "terza nonna" oltre la nonna da cui puoi imparare tante cose...
    Buon melcoledi' e ti abbraccio

    RispondiElimina
  14. @ Fà grazie mille per il tuo contributo!!

    @ Satoko.. però il dolce ha solo quattro cucchiaini di zucchero :p

    @ Titti ti abbraccio anch'io e che meraviglia i ciliegi in fiore!! A te è arrivato il profumo del mio dolce a me è arrivata la magia dei loro colori!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...