venerdì 31 gennaio 2014

Liberiamo una ricetta 2014: scaloppine alle mele aromatizzate al pepe rosa

Buongiorno,
stamattina con una pioggia battente in sottofondo,
non vi propongo la solita raccolta di post del venerdì, ma avrete comunque molto da leggere e da gustare, cari lettori, perchè oggi nella blogsfera si libereranno tante ricette sfiziose e a fin di bene.
"Liberiamo una ricetta" è un'iniziativa qui avevo già aderito nel 2013 qui. ed è un vero piacere partecipare anche quest'anno.
Quindi...



La ricetta che ho scelto è legata, manco a dirlo, alla nonna Pina cui ho dedicato il blog.
Uno dei suoi "piatti della domenica" preferiti, in queste giornate invernali fredde e umide, era la lonza al forno con le mele.
La casa si riempiva di quell'aroma delizioso e inconfondibile e, anche se io non ero e non sono una grande carnivora, amavo questa delizia agrodolce.
Poichè, come sapete, sono sempre di corsa, ma cerco comunque di cucinare cose buone, ho elaborato una mia personale versione rapida del piatto in questione, con l'aggiunta di un tocco personale, cioè il pepe rosa.
Quindi bando alle ciance e questi sono gli ingredienti (per due persone):

4 fettine di lonza di maiale
1 mela
1/2 cipolla rossa
4-5 chiodi di garofano
qualche pezzetto di cannella
olio extravergine di oliva
farina di riso
sale
pepe rosa

Tagliate la cipolla e la mela a fettine sottili, versatele in una padella con uno/due cucchiai d'olio e un cucchiaio di acqua, aggiungete i chiodi di garofano, la cannella e poco sale e fate stufare coprendo la pentola. Quando mela e cipolla saranno morbide, passate alla carne. Infarinate le fettine leggermente con la farina di riso e cuocetele a fuoco vivo in un'altra padella con sempre uno/due cucchiai di olio. Saranno necessari pochi minuti. Salate le fettine solo a fine cottura: questo è un passaggio importante perchè la carne di maiale, se salata troppo presto, si indurisce. Componete il vostro piatto con le fettine, le mele con la cipolla, cospargete di grani di pepe rosa in salamoia e servite ben caldo
Ecco viene così:

Che ne dite? Vi piace?
Fatemi sapere mi raccomando!

"Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web".

Anche quest'anno al divertimento di scrivere tutti insieme per un'iniziativa condivisa si aggiunge la solidarietà, un pensiero concreto per coloro che sono meno fortunati.
Per questo tutti partecipanti sono invitati donare l'equivalente della spesa per il piatto a sostegno delle famiglie rifugiate ospitate dal Centro Astalli di Roma.
In questo modo inviteremo a tavola con noi, virtualmente, anche una persona che è dovuta scappare dal suo Paese per fuggire alla guerra e alla persecuzione e che qui in Italia deve ricominciare da zero. In particolare, ci piacerebbe dotare di stoviglie e pentole le famiglie che vivono nel centro di accoglienza Pedro Arrupe, in via di Villa Spada.
Si può effettuare la donazione tramite bonifico bancario, conto corrente postare o anche online, attraverso Paypal. Tutti i dettagli qui: http://www.centroastalli.it/index.php?id=532

Sul blog di Barbara Damiano - MammaFelice troverete il post con tutti i link dei blog partecipanti così potrete farvi una simpatica abbuffata virtuale di ricette:
http://www.mammafelice.it/2014/01/30/liberiamo-una-ricetta-edizione-2014/

Buon venerdì a tutti voi e...buon appetito!

Foto: Cristina


lunedì 27 gennaio 2014

Giornata della Memoria

Stamattina leggendo distrattamente Facebook ho incontrato questa frase

«La memoria è come il mare: può restituire brandelli di rottami a distanza di anni": Primo Levi

Proprio ieri mi è tornato alla memoria un ricordo dei tempi dell'università.
Ero seduta su una panca di quelle subito fuori dall'aula studio.
Pur nella confusione generale di tante voci non potei fare a meno di ascoltare la conversazione fra due colleghi.
Lei chiedeva della Risiera di San Sabba  e lui le stava dicendo che no, non era stato campo di sterminio, ma solo un campo per prigionieri, in gran parte militari. Era la guerra del resto...
Ricordo che, pur forse rischiando di passare per maleducata, mi intromisi confutando questa blanda descrizione.
Nei giorni seguenti quell'episodio incontrai il giovane che mi si parò innanzi sbattendo i tacchi e facendomi il saluto romano.
Restai davvero senza parole.
Sono passati tanti anni e non ricordo bene nè il viso nè tantomeno il nome di quel giovane, ma il gesto e il suo negare quello sì, mi è rimasto dentro.

Confesso di essere una che pensa che questo giorno non sia solo per gli Ebrei, ma per tutti coloro che perirono in quell'orrore in maniera atroce e disumana: oppositori politici, portatori di handicap, ritardati mentali, omosessuali, prostitute, zingari... Tutti.
Tutti.

E se ci sono ancora giovani che la pensano come quello che incontrai io allora bisogna informare, far capire, spiegare, mostrare.
Perchè più delle parole possono le immagini di quell'inferno in terra che non altri, ma le mani degli stessi uomini erano stati capaci di creare e pianificare.

Questo è il mio pensiero oggi.


Non un grande pensiero, solo poche righe.
Magari senza molto senso.

Stasera assieme a Bimba-quasiragazzina guarderemo sul canale Giallo il film Vincitori e Vinti. E' una pellicola del 1961 che narra di uno dei processi minori del più grande "Processo di Norimberga" e di come un anziano giudice cerchi di capire...
Cercheremo di capire assieme.
Perchè è giusto parlarne.
E giusto non dimenticare.

Ps. Se avete scritto un post su questa giornata e volete segnalarmelo, mettete il link nei commenti. Lo leggerò molto volentieri. Grazie.

venerdì 24 gennaio 2014

Il meglio di gennaio #3

Ieri è stata una bella giornata.
Intensa, complessa, ma bella e ricca di soddisfazione.
Perchè lo scrivo?
Prendetela come un'ode alle belle e buone giornate.
Troppo spesso infatti siamo portati (in primis la sottoscritta) ad utilizzare blog e social per sfogare la nostra negatività, per cercare sostegno morale, conforto, per far sfumare la rabbia che magari nel reale siamo costretti a reprimere.
E invece la gioia la releghiamo nell'angolino.
Ma la vita è fatta anche di bei momenti.
Magari non eclatanti, magari minimi, ma garantisco ci sono
e credo che condividerli sia bello.
Già oggi qualcosa è andato meno bene rispetto a ieri, fatto questo che mi ha ulteriormente convinta dello scrivervi della felicità di ieri.
Godiamoci le piccole felicità e soddisfazioni dell'esistenza, come se fossero giornate di sole per il nostro spirito, perchè di giorni grigi o peggio ancora bui ce n'è, non si scappa.
E celebriamoli un pochino anche, senza timore di essere presi per presuntuosi a dichiarare:
"Oggi sono felice."

E visto che ieri è stata una bella giornata, oggi faccio contenti voi, miei affezionati lettori, lasciandovi i miei consigli di lettura per il week end, scelti assolutamente seguendo il mio gusto personale nei momenti che mi ritaglio qua e là per girobloggare in libertà.


Per prima cosa vi segnalo questo contest de "La Cucina Italiana" che aiuta a sensibilizzare sull'attività dell'AIRC e sul fatto che domani nelle piazze d'Italia saranno in vendita le arance della salute:
http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=3660



Al tema delle arance era dedicata casualmente anche l'ultima staffetta fra blogger Di Cucina in Cucina che vi segnalo per tutte le ottime ricette proposte:
http://udinelamiacittaenonnapina.blogspot.it/2014/01/staffetta-di-cucina-in-cucina-arance.html

Io ho partecipato con questo antipasto a base di misticanza, trota di San Daniele e arance


E con questi taglierini


Trovate le ricette all'interno del post di cui sopra.

Altre belle iniziative sono poi:

il nuovo tema proposto da Monica per Il Senso dei miei Viaggi: http://viaggiebaci.wordpress.com/2014/01/20/le-disavventure-dei-miei-viaggi/

il nuovo gruppo nato su Facebook sul tema del decluttering, ideato da Koko Pi del blog Ordinata Mente: http://ordinata-mente.blogspot.it/2014/01/facciamo-gruppo.html

per chi è in zona Milano, con un pizzico d'invidia da parte mia, segnalo anche questa bella iniziativa di Zelda: http://zeldawasawriter.com/2014/01/il-club-di-lettura-di-zelda/

Un paio di post fanno riflettere...

Questo di Barbara http://lapasionaria.it/2014/01/personal-facebook-status-curator/ fa sorridere, ma nasconde tutta la sottile ansia, i dubbi, che ogni genitore prova di fronte alle prospettive future di un figlio.

Qui invece si parla delle prospettive della lingua italiana, mmm... porella quanta difficoltà a non farsi soppiantare da un linguaggio fatto di contrazioni e abbreviazioni. Stiamo perdendo la nostra lingua o essa si sta semplicemente evolvendo in base ai cambiamenti della società in cui viviamo?
http://scuoladivita.corriere.it/2014/01/22/la-mia-classe-ovvero-litaliano-nelle-scuole/

Sapete che mi piacciono molto le foto...
Queste sono di un padre che gioca con l'arte con la collaborazione della figlia: http://d.repubblica.it/famiglia/2014/01/21/foto/papa_figlia_fotografie_rinascimento-1975930/
Qui invece ci sono le immagini di tante tribù, popolazioni, persone le cui culture stanno via via scomparendo: http://oltreuomo.com/magazine/ritratti-tribu/ 

Alzi la mano chi non ha mai smarrito un calzino in lavatrice! 
La lettura proposta da Cì mia ha incuriosita subito per il titolo, a maggior ragione per il contenuto: http://ilmondodici.blogspot.it/2014/01/libri-il-pianeta-dei-calzini-spaiati.html

Infine ringrazio ancora Barbara Damiano-Mamma Felice per l'opportunità offerta con lo swap di Natale che ci è (a me e Bimba) piaciuto un sacco e di cui vi segnalo il post riassuntivo con tutti i blog che si sono cimentati nell'impresa: http://www.mammafelice.it/2014/01/24/gioca-immagina-e-crea-le-foto-dello-swap-skylanders/

E auguro a tutti voi un sereno fine settimana, in primis a Laura che ha ideato, come ormai saprete, questa bella iniziativa di condivisione.

A presto!

Pssss... aspetto i vostri commenti, che mi fanno sempre tanto piacere :)

martedì 21 gennaio 2014

Dal Diario di Lei: historia magistra vitae

Interno cucina.
Lei mescola il minestrone e non pensa a nulla di particolare.
Si lascia cullare dal lento sobbollire del pentolone.
Vaga senza una meta particolare tra i vapori della verdura fino a quando...
"Mamma, ma che cos'è il Porcellum?"
Lei copre la pentola rassegnata.
Dopotutto è Lei quella che per prima ha portato la sua Bimba a contatto con la politica.
Stava nella pancia dentro l'ufficio di un partito.
Mea culpa.
Pensa Lei.
E anche se quella vita a Lei non appartiene più da lungo tempo,
se Bimba-quasiragazzina chiede bisogna rispondere.
"E' la nostra legge elettorale, ma è sbagliata e bisogna trovarne un'altra. E' per quello che ne discutono tanto".
Lei non pensa nemmeno per un istante che sia finita lì e infatti...
"Ma se è sbagliata la legge con cui anche tu e papà avete votato, anche quelli che ci governano ora non dovrebbero farlo perchè sono stati eletti con una legge sbagliata."
Ecco, ma perchè non ha ancora cinque anni - Lei si chiede - così avrebbe potuto dirle allegramente che il Porcellum è il cugino romano di Peppa Pig!
"Non preoccuparti, ora la legge la cambiano o almeno ci provano."
"Chi Renzi e Berlusconi? Ma Berlusconi non doveva essere in prigione perchè aveva fatto qualcosa che non andava?"
Lei glissa sull'ovvio e si concentra sul meno peggio.
"Ad esempio Renzi ha proposto una nuova legge che si chiama Italicum."
"Ma che lingua è mamma? Latino? Perchè le nostre leggi hanno nomi latini? Gli antichi romani non ci sono più da qualche migliaio d'anni, c'è scritto qua sul libro di storia, anzi alla fine del libro, che quest'anno con il programma arriviamo fino alla fine dei Romani."
Lei si siede, prende il libro, lo sfoglia e inizia un suo personale parallelo, tanto la zuppa può starsene un po' per conto suo.
Alle verdure bollite poco importa quello che accade in questo stravagante paese italico, ma una Bimba-quasiragazzina...
A Lei piace l'idea che le interessi.
Non è forse: historia magistra vitae?
"Sai chi era Giulio Cesare?"
"Sì quello che ha sconfitto i Galli e si è innamorato di Cleopatra."
"Bene, immagina che Giulio Cesare sia Berlusconi."
"Ma Giulio Cesare era più bello..."
"Ok, ma tu immagina lo stesso. Dunque Giulio Cesare per conquistare il potere aveva stretto un accordo con altri due personaggi potenti del suo tempo: Pompeo e Crasso che potrebbero essere ad esempio Fini e Casini. E così c'è riuscito. Ha conquistato il potere, che però gli ha dato un po' alla testa, anche perchè nel frattempo aveva conosciuto Cleopatra."
"Che sarebbe Ruby? Anche lei è egiziana o no?"
Ehm... Lei non entra nel merito geografico.
"Quindi Cesare sconfisse Fini e Casini ehm.. cioè Pompeo e Crasso e decide di voler diventare imperatore tutto da solo, ma non ci riuscì perchè una parte dei suoi lo hanno tradito."
"Ma Cesare è stato ucciso, mamma".
"Sì ma anche Berlusconi è stato ucciso politicamente, almeno per qualche mese. Proseguendo la storia, dopo Cesare, Pompeo e Crasso sono arrivati Ottaviano Augusto, Antonio e Lepido. Che potrebbero essere come Renzi, Alfano e Letta di oggi, non ti pare?"
"Mmm ma Berlusconi c'è ancora oggi. Cesare no."
"Sì ma Cesare fu proclamato divino dopo poco tempo, quindi anche lui c'era ancora, in spirito, nella testa dei Romani di allora."
"Ah ok e cosa fanno quei tre? Antonio non sposa Cleopatra? Chi è la Cleopatra di Alfano?"
"Bè Alfano in effetti non ha una Cleopatra, ma tanti aspidi attorno!"
"Quindi alla fine vincerà Renzi e sarà come Augusto? Sai che anche Gesù è nato sotto il regno di Augusto?"
"No Renzi non c'entra con Gesù, anche se la sede del PD è al Nazareno..."
"E quindi vincerà Renzi?"
"Può essere se non commette troppi errori e dopo tutto Augusto era pronipote di Cesare..."
"Ma Renzi non è parente di Berlusconi, mamma!"
"No, ma diciamo che lui è Berlusconi si stanno accordando sulla legge elettorale, sull'Italicum...E' una cosa importante questa. "
"E Napolitano mamma. Il Presidente cosa fa?"
Ussignùr...
"Ecco lui è come Giove, il padre degli dei, tutti i suoi figli non la smettono un secondo di dargli grattacapi".
La Bimba-quasiragazzina la guarda, chiude il libro di storia e...
"Ok, mamma non c'ho capito molto. Vado a giocare con il tablet che nel villaggio dei Puffi c'è bisogno di me!"
Lei torna alla zuppa e sorride.
Meno male, anche questa volta se l'è cavata.
Riuscirà a fare altrettanto l'Italia?
Ai posteri l'ardua sentenza!



Buona serata e un piatto di zuppa per tutti :)

Ps. Ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale...

Foto: statua di Giulio Cesare a Cividale del Friuli. Autore: Elena

lunedì 20 gennaio 2014

Staffetta di cucina in cucina: arance

Buongiorno,
è lunedì, piove e noi andiamo di cucina in cucina che è meglio!

L'ingrediente di questo mese mi è piaciuto tanto e, visto che ieri era domenica e ce ne siamo stati rintanati a casa, causa anche malanno di Bimba, mi sono sbizzarrita a creare non una sola ricetta, ma un intero menù a base di arance.

Siete curiosi?

Ora ve lo racconto.

Misticanza con Trota di S. Daniele agli agrumi e arancia al vivo

Taglierini alle cape sante affogate nel triple sec

Dolce di farina di riso all'arancia (come da ricetta del blog Menta e Liquirizia)

Per l'antipasto ho utilizzato i seguenti ingredienti:

misticanza (rucola, insalatina, spinacino)
2 piccole patate lesse
1/4 di cipolla rossa
1 arancia non trattata
Trota di San Daniele aromatizzata agli agrumi (http://www.friultrota.com/category/prodotti/trote/)
olio extravergine di oliva, sale rosa, pepe

Mettete la cipolla tagliata fine in acqua fredda con un cucchiaio di aceto bianco, circa un'ora prima della preparazione (così diventa più digeribile).
Lavate la misticanza, tagliate a cubetti le patate lesse e pelate al vivo l'arancia (dopo aver grattugiato la buccia che vi servirà per la ricetta successiva).
Unite la cipolla, regolate le verdure di sale e aggiungete la trota tagliata a pezzetti.


Condite con olio extravergine e una generosa macinata di pepe.
L'antipasto è pronto (ma può andare anche come secondo piatto).



Ingredienti per i taglierini:

taglierini all'uovo
1 porro
1 arancia
cape sante
triple sec (o altro liquore all'arancia)
olio extravergine d'oliva, burro sale,  pepe rosa e prezzemolo.

Stufate i porri in padella con due cucchiai di olio extravergine di oliva; in una padella a parte saltate le cape sante con un po' di burro, la scorza di una arancia grattugiata e sfumando il tutto con il triple sec. Togliete i molluschi e lasciate da parte il fondo di cottura. Tagliate le cape sante a pezzi e unitele al porro, regolando di sale. Scolate i taglierini, uniteli ai porri e alle cape sante e saltate in padella un paio di minuti versando sulla pasta il fondo di cottura che avevate messo da parte.


Servite guarnendo con prezzemolo tritato, arancia al vivo e pepe rosa.


Infine non poteva mancare il dolce: una ciambella con farina di riso all'arancia che ho letto sul blog Menta e Liquirizia di Marifra e che mi ha subito ispirata:


La ricetta è qui: http://www.mentaeliquirizia.com/2014/01/dolce-di-farina-di-riso-allarancia.html

Che ne dite? Vi piace questo menù?
Aspetto i vostri commenti.

E poi via di corsa a scoprire cosa avranno preparato nelle altre cucine che partecipano alla staffetta!
Ecco l'elenco per andare a scoprirlo!

1. 5per15 - www.5per15.com
6. Alessia scrap & craft - www.4blog.info/school
10. Daria - GocceD'aria: http://www.goccedaria.it/

Volete partecipare anche voi alla Staffetta di cucina in cucina? Il regolamento lo trovate nel gruppo su FB qui: https://www.facebook.com/groups/staffettaCUCINA/

Prossimo appuntamento: 20 febbraio

Buon inizio settimana!!!

Foto: Cristina

sabato 18 gennaio 2014

Il meglio di gennaio #2

Finalmente riesco a fermarmi e scrivere.
No, non ho dimenticato il meglio della settimana.
L'ho custodito come sempre per me e per voi.
Venerdì internet a fatto le bizze, il meno che poteva capitare visto che si trattava di un venerdì 17, non che io creda a queste cose, ma sta di fatto che è stato un brutto venerdì.
Poi lavoro, una riunione nella scuola di oggi e una per vedere quella di domani...
Perchè Bimba cresce e si deve già scegliere la scuola media, che oggi si chiama scuola secondaria di primo grado, che solo a scrivere cotanto titolo mi viene il fiatone!
E arriviamo a oggi che lei ha il raffreddore e la febbre e quindi siamo tutti a casa in relax, assieme ad una simpatica compagnia di bacilli.
Ora loro guardano Indiana Jones e io digito il mio elenco settimanale, sapendo che vi piace e sono terribilmente felice di farvi contenti, cari lettori...


Come prima cosa vi segnalo che prosegue anche nel 2014 questa bella iniziativa di Laura, che, oltre ad aver dato il via a questo geniale momento di condivisione di letture, ne ha elaborato anche uno di condivisione di link. Se ne scoprono davvero delle belle ogni settimana:
http://www.paroladilaura.it/2014/01/share-your-link-49/ 

Poi visto che il raffreddore gira per casa, tengo caro questo post di Barbara, perchè i rimedi naturali vanno benissimo anche per chi non sia in dolce attesa :)
http://www.mammafelice.it/2014/01/10/raffreddore-in-gravidanza-rimedi-naturali/

Girobloggando ho trovato questo post di MammaImperfetta e me ne sono innamorata: http://www.mammaimperfetta.it/2014/01/09/complessita/

Mentre, grazie all'ultima Staffetta di Blog in Blog , ho scoperto un nuovo bel blog molto ordinato: Ordinata Mente e qui trovate una stupenderrima agenda da stampare http://ordinata-mente.blogspot.it/2014/01/la-mia-agenda-2014.html

Dopo aver riposto nelle scatole lo spirito natalizio, sento già aria di coriandoli e frittelle e mascherine.
Mi sono piaciute tanto queste idee sul blog Pane Amore e Creatività: perchè Jasmine è una delle mie principesse Disney favorite e Olaf...bè io ed Elena ci siamo innamorate al primo sguardo di questo delizioso pupazzo di neve animata!


Pensando alla neve mi è piaciuta l'idea di fare un viaggio virtuale in Estonia, grazie alle vivide immagini di Valentina: http://www.travelupsidedown.com/2014/01/il-magico-inverno-estone-charming.html

Ho osservato un minuto di silenzio entrando nel Tempio del Viaggiatore sul blog di Monicahttp://viaggiebaci.wordpress.com/2014/01/17/il-tempio-dei-viaggiatori/

E riflettuto grazie a Silvia su quanto, nonostante tutto, io ami terribilmente la nostra variegata Italia: http://www.thegirlwiththesuitcase.com/2014/01/cose-che-amo-dell-italia.html

Un mazzo di anemoni francesi può essere un'ottima compagnia come ci racconta Zelda: http://zeldawasawriter.com/2014/01/fiori-frasi-anemoni-francesi/

Magari assieme ad un dolce ai frutti di bosco come suggerisce la ricetta di Lory: 

Infine vi saluto con il post di Simo, perchè sto ancora ridendo e le risate si sa son contagiose!

Buona domenica a tutti voi :)


mercoledì 15 gennaio 2014

Staffetta di blog in blog: il solito proposito. Quello che quest'anno riuscirò a realizzare (sul serio!)

Sera prima dell'appuntamento con la staffetta mensile.
Giornata lunga.
Cucina di casa di mamma.
Un luogo rassicurante, dove lasciar scorrere i pensieri.
Il canarino saltella e mi osserva curioso.
Segue il movimento delle mie dita sulla tastiera.
Fuori non piove più e non si sente più il rumore del traffico.
Solo qualche auto ogni tanto, che scivola via.
Sono stanca e lo gnomo dell'emicrania mi intrattiene con il suo scalpellare continuo e rumoroso.
Ho iniziato a leggere un libro sulle cattedrali gotiche, forse è uno spiritello uscito da quelle pagine, che parlano d'arte ma anche di mistero.
Il mistero mi affascina.
E' come una spezia.
Una delle tante spezie della vita.
Ma ce ne vuole poco, perchè come un eccesso di spezie rovina il sapore di un piatto, così un eccesso di mistero può rovinare tutto e generare paura, piuttosto che curiosità.
Sto divagando.
E' che oggi ho saputo una cosa che non mi è piaciuta.
Tradire la fiducia.
Che cosa terribile!
Parliamo d'altro, vi va?
Del tema della staffetta ad esempio...




venerdì 10 gennaio 2014

Il meglio di gennaio #1

Nebbia.
Fuori, ma anche un po'dentro, vi confesso.
Decisioni.
Cambiamenti.
Inizio anno.
C'è bisogno di un bel respiro profondo per schiarirsi le idee.
Ma non è facile con questo tempo.
Questo grigio che opprime.
In attesa di un raggio di sole, riprendo, sperando di farvi cosa gradita cari lettori, con questa rubrica in cui annoto le mie letture preferite della settimana...


Primo posto assoluto alla Regina più sensibile che io conosca (post dedicato a future mamme, mamme in carica e soprattutto a chi sta loro accanto): http://www.thequeenfather.com/2014/01/di-latte-e-polvere-da-sparo.html

Un'intervista di Chiara che è racconto di un'emozione letteraria e che mi ha incuriosita riguardo ad un'autrice, di cui avevo naturalmente sentito parlare, ma che non ho mai letto. Prossimamente credo proprio rimedierò!: http://machedavvero.it/2014/01/intervista-con-margaret-mazzantini-splendore/

Poichè siamo a inizio anno, nessun buon proposito mi pare davvero un buon proposito da leggere, grazie a Laura che ha iniziato quest'esperienza di condivisione di link: http://www.paroladilaura.it/2014/01/nessun-buon-proposito/

Claudia propone una simpatica idea per un lavoretto colorato che piacerà a Bimba: http://www.lacasanellaprateria.com/2014/01/ciotole-fai-da-te-con-le-perline-fuse/
e al tempo stesso mi fa scoprire un nuovo coloratissimo blog: http://islaura.it/

Poi una ricetta per un vellutata, che nelle sere invernali le vellutate colorate e calde sono una vera coccola... http://lory-lavandaerosmarino.blogspot.it/2014/01/vellutata-di-zucchine.html

Concludo con due torte che proverò sicuramente,
quella alla vaniglia di Rossella
http://machetiseimangiato.com/2014/01/la-torta-perfetta-alla-vaniglia-seconda-bea/

E quella all'arancia di Marifra

Infine, rimasto nella tastiera, dall'anno vecchio, ma interessantissimo, ancora un post di Rossella con tanti bei blog che vi segnalo per la grande ricchezza di contenuti: http://machetiseimangiato.com/2013/12/52-foodblog-e-non-solo-per-il-2014/

E dulcis in fundo una carrellata di foto di Valentina, in omaggio alla passione per la fotografia della mia Elena: http://www.travelupsidedown.com/2014/01/a-year-in-25-photos.html

Buon fine settimana!
Aspetto i vostri graditissimi commenti :)

lunedì 6 gennaio 2014

Il Presepe di Corgnolo

Buona Epifania a tutti!
Il primo post dell'anno ho pensato di dedicarlo al Presepe e, siccome son strana, lo faccio nella giornata in cui di solito si cominciano a riporre tutti gli addobbi del periodo natalizio.
Lo faccio proprio per questo.
Per ricordare a me stessa il significato profondo di questa tradizione italiana di una rappresentazione che, anche al di là del significato strettamente religioso, ci mostra una giovane famiglia in difficoltà, ci mostra una realtà della vita vera e non da fiaba che 2000 anni fa, come oggi continua ancora a ripetersi.
Una famiglia costituita da poco, che deve spostarsi pur se la giovane donna è incinta, che deve adempiere ad un obbligo di stato (il censimento), che non ha grandi mezzi economici, che è in difficoltà e fatica a trovare solidarietà, ma che poi si unisce stretta stretta attorno alla cosa più meravigliosa e sorprendente che un uomo e una donna possano creare assieme: una nuova vita.


Nei giorni scorsi abbiamo fatto una breve gita fuori porta per visitare il Presepe di Corgnolo, antico borgo in comune di Porpetto (UD).
Si tratta di uno tra i più grandi presepi d'Europa con i suoi circa 15.000 mq che si dipana fra i tre rami della roggia Corgnolizza, collegati fra loro da ponticelli costruiti per l'occasione.
E' visitabile dal 22 dicembre al 12 gennaio (quindi c'è ancora qualche giorno di tempo), ospita molti animali vivi ed è popolato da circa 300 statue a grandezza naturale, i cui costumi sono confezionati interamente a mano dalle donne del paese.
Naturalmente Elena ha curato il servizio fotografico di questo viaggio che inizia in un'ambientazione tipica del Friuli rurale...

Dove gli abitanti sono impegnati nella loro quotidianità...





E nelle varie occupazioni...






Scandite dal lento sciacquio del mulino ad acqua


e dallo scorrere del tempo.


Ed è un viaggio nel tempo quello che si è chiamati a fare, attraversando la strada...
Nel tempo e in un altro luogo.
Dal Friuli a...


Dove si ripercorre il cammino di quella coppia di sposi, tra locande e botteghe affollate a causa del censimento in corso...






Mentre il sole cala sugli animali che ci osservano incuriositi e sull'accampamento romano...







E alla fine del percorso, ancora una volta, la povera capanna...


E non ci si può non fermare un attimo a pensare un po'.
Anche su un blog.
Anche nel giorno dell'Epifania che, si sa, tutte le feste porta via!

Altri Presepi qua sul blog.

Foto: Elena
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...