martedì 21 gennaio 2014

Dal Diario di Lei: historia magistra vitae

Interno cucina.
Lei mescola il minestrone e non pensa a nulla di particolare.
Si lascia cullare dal lento sobbollire del pentolone.
Vaga senza una meta particolare tra i vapori della verdura fino a quando...
"Mamma, ma che cos'è il Porcellum?"
Lei copre la pentola rassegnata.
Dopotutto è Lei quella che per prima ha portato la sua Bimba a contatto con la politica.
Stava nella pancia dentro l'ufficio di un partito.
Mea culpa.
Pensa Lei.
E anche se quella vita a Lei non appartiene più da lungo tempo,
se Bimba-quasiragazzina chiede bisogna rispondere.
"E' la nostra legge elettorale, ma è sbagliata e bisogna trovarne un'altra. E' per quello che ne discutono tanto".
Lei non pensa nemmeno per un istante che sia finita lì e infatti...
"Ma se è sbagliata la legge con cui anche tu e papà avete votato, anche quelli che ci governano ora non dovrebbero farlo perchè sono stati eletti con una legge sbagliata."
Ecco, ma perchè non ha ancora cinque anni - Lei si chiede - così avrebbe potuto dirle allegramente che il Porcellum è il cugino romano di Peppa Pig!
"Non preoccuparti, ora la legge la cambiano o almeno ci provano."
"Chi Renzi e Berlusconi? Ma Berlusconi non doveva essere in prigione perchè aveva fatto qualcosa che non andava?"
Lei glissa sull'ovvio e si concentra sul meno peggio.
"Ad esempio Renzi ha proposto una nuova legge che si chiama Italicum."
"Ma che lingua è mamma? Latino? Perchè le nostre leggi hanno nomi latini? Gli antichi romani non ci sono più da qualche migliaio d'anni, c'è scritto qua sul libro di storia, anzi alla fine del libro, che quest'anno con il programma arriviamo fino alla fine dei Romani."
Lei si siede, prende il libro, lo sfoglia e inizia un suo personale parallelo, tanto la zuppa può starsene un po' per conto suo.
Alle verdure bollite poco importa quello che accade in questo stravagante paese italico, ma una Bimba-quasiragazzina...
A Lei piace l'idea che le interessi.
Non è forse: historia magistra vitae?
"Sai chi era Giulio Cesare?"
"Sì quello che ha sconfitto i Galli e si è innamorato di Cleopatra."
"Bene, immagina che Giulio Cesare sia Berlusconi."
"Ma Giulio Cesare era più bello..."
"Ok, ma tu immagina lo stesso. Dunque Giulio Cesare per conquistare il potere aveva stretto un accordo con altri due personaggi potenti del suo tempo: Pompeo e Crasso che potrebbero essere ad esempio Fini e Casini. E così c'è riuscito. Ha conquistato il potere, che però gli ha dato un po' alla testa, anche perchè nel frattempo aveva conosciuto Cleopatra."
"Che sarebbe Ruby? Anche lei è egiziana o no?"
Ehm... Lei non entra nel merito geografico.
"Quindi Cesare sconfisse Fini e Casini ehm.. cioè Pompeo e Crasso e decide di voler diventare imperatore tutto da solo, ma non ci riuscì perchè una parte dei suoi lo hanno tradito."
"Ma Cesare è stato ucciso, mamma".
"Sì ma anche Berlusconi è stato ucciso politicamente, almeno per qualche mese. Proseguendo la storia, dopo Cesare, Pompeo e Crasso sono arrivati Ottaviano Augusto, Antonio e Lepido. Che potrebbero essere come Renzi, Alfano e Letta di oggi, non ti pare?"
"Mmm ma Berlusconi c'è ancora oggi. Cesare no."
"Sì ma Cesare fu proclamato divino dopo poco tempo, quindi anche lui c'era ancora, in spirito, nella testa dei Romani di allora."
"Ah ok e cosa fanno quei tre? Antonio non sposa Cleopatra? Chi è la Cleopatra di Alfano?"
"Bè Alfano in effetti non ha una Cleopatra, ma tanti aspidi attorno!"
"Quindi alla fine vincerà Renzi e sarà come Augusto? Sai che anche Gesù è nato sotto il regno di Augusto?"
"No Renzi non c'entra con Gesù, anche se la sede del PD è al Nazareno..."
"E quindi vincerà Renzi?"
"Può essere se non commette troppi errori e dopo tutto Augusto era pronipote di Cesare..."
"Ma Renzi non è parente di Berlusconi, mamma!"
"No, ma diciamo che lui è Berlusconi si stanno accordando sulla legge elettorale, sull'Italicum...E' una cosa importante questa. "
"E Napolitano mamma. Il Presidente cosa fa?"
Ussignùr...
"Ecco lui è come Giove, il padre degli dei, tutti i suoi figli non la smettono un secondo di dargli grattacapi".
La Bimba-quasiragazzina la guarda, chiude il libro di storia e...
"Ok, mamma non c'ho capito molto. Vado a giocare con il tablet che nel villaggio dei Puffi c'è bisogno di me!"
Lei torna alla zuppa e sorride.
Meno male, anche questa volta se l'è cavata.
Riuscirà a fare altrettanto l'Italia?
Ai posteri l'ardua sentenza!



Buona serata e un piatto di zuppa per tutti :)

Ps. Ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale...

Foto: statua di Giulio Cesare a Cividale del Friuli. Autore: Elena

8 commenti:

  1. Per me la politica sta su un altro pianeta...faccio così FATICA a seguirla!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente anch'io ti dirò... è più confusione che politica secondo me...

      Elimina
  2. Io inizio ad adorare sia Lei che Bimba...sappilo!!! ^_^

    RispondiElimina
  3. Tu sei troppo forte e bimba troppo avanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io cerco di stare al passo di quella personcina che cresce, cresce, cresce...

      Elimina
  4. Risposte
    1. Oddio e perchè? La politica è qualcosa che è insito nel nostro essere individui che vivono in un società complessa. La cattiva politica invece quella sì ne comprendo la presa di distanze come se fosse pestilenza.
      E nel nostro povero Paese è talmente diffusa che inizio a sentirla decisamente indigesta anch'io!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...