lunedì 29 luglio 2013

Da un matrimonio verde menta con un tocco di fragola

Avvertenze d'uso: post ad alto tasso di zuccheri.

Immaginate una giornata meteorologicamente rovente.
Chiudete gli occhi e coloratela di bianco e verde menta.
Vi state ancora squagliando dal caldo?
Ehm..sì.
Ma non fateci caso.
Pensate ad una bella favola e immergetevi nell'atmosfera.
Ecco.
Così..

E una brezzolina di gioventù, dolci sogni e tanto amore vi farà tirare un sospiro di beata serenità.
Vi farà ricordare che (nel mio caso dieci) anni fa anche il vostro cuore batteva forte, mentre le vostre mani si intrecciavano nella promessa di una vita insieme (Sì faceva caldo anche dieci anni or sono..).
Un impegno non da poco.
In cui bisogna credere davvero.
Perchè la vita riserva tante curve e tanti inciampi, ma anche tanti bei momenti, tanti - passatemi la metafora vista la giornata - bei posti all'ombra dove godersi ore e giorni felici.
Insieme.
Una delle cose che vi resterà di questo giorno, cari sposi, sono le immagini vostre e dei vostri amici.
A me resterà indiscutibilmente il ricordo di un matrimonio verde menta con un tocco di fragola.
Quello di una Bimba emozionata che stringeva un cuscinetto importantissimo.


Che ha aspettato trepidante fin da quando ha saputo che vi avrebbe dovuto aspettare.
Lei, proprio lei, nel suo vestito color fragola, quello che fruscia, quello che la fa sentir principessa.


Eccovi.

Proprio belli.
E poi ancora Bimba perchè, dopo l'entrata e l'emozione della cerimonia, c'è l'uscita, la prima uscita degli sposi e riso e petali sono d'ordinanza.
Tutto deve essere in ordine.

Poi, come ogni favola che si rispetti, non poteva mancare un adeguato palazzo,




che la piccola fotografa ha fermato in tanti piccoli quadri,









fino a quando la sua mamma è riuscita a sottrarle la preziosa macchina e fermare lei in un ritratto naturalmente color fragola.

Ehm.. fermarla per un istante solo.
Perchè per lei la vita è ancora un movimento continuo, elettrizzante e spensierato.


Ah, sì..dimenticavo (o meglio volevo dimenticare!)
Poi lei si è presa la rivincita con me, che non mi faccio fotografare quasi mai.
Scusate..ma ho avuto l'ordine di pubblicarmi per par condicio.


Passate pure oltre!
Che vi si sgretola la magia ;)
Tutto è stato perfetto - dicevo - nella vostra giornata verde menta, cari sposi.
Cibarie, allegria, ambientazione e romanticismo.
E guardandovi così, illuminati da cascate di stelle,


ho ripensato ad uno dei miei sonetti preferiti..

"Let me not to the marriage of true minds
Admit impediments. Love is not love
Which alters when it alteration finds,
Or bends with the remover to remove:
O no! it is an ever-fixed mark
That looks on tempests and is never shaken;
It is the star to every wandering bark,
Whose worth's unknown, although his height be taken.
Love's not Time's fool, though rosy lips and cheeks
Within his bending sickle's compass come:
Love alters not with his brief hours and weeks,
But bears it out even to the edge of doom.
   If this be error and upon me proved,
   I never writ, nor no man ever loved."


"Non sarà che alle nozze di animi costanti
Io ammetta impedimenti, amore non è amore
Che muta quando scopre mutamenti,
O a separarsi inclina quando altri si separa.
Oh no, è un faro irremovibile,
Che mira la procella e mai ne viene scosso;
E' l'astro cui si volge ogni errabonda nave,
Remoto in suo valore, pur se il suo luogo noto.
Zimbello esso non è del Tempo, anche se rosee labbra
E guance, sian raggiunte dalla sua curva falce,
Non si altera amore per ore e giorni brevi,
Ma impavido resiste fino all'abisso estremo.
Se questo è errore, e contro me si provi,
Mai non ho scritto, e mai nessuno ha amato."


La mia personale interpretazione, il mio personale sentire, oggi come ieri, è quell'immagine di Lui, faro inamovibile e di Lei luce brillante e vivida che illumina il faro stesso dal suo interno e tutto il resto del vostro mondo là fuori.

W gli sposi!

Ps. Se siete svenuti per un picco glicemico, vi ricordo che eravate stati avvisati ;)

Foto: Elena e Cristina 
Cit. Sonetto n°116 di William Shakespeare. La traduzione è di Giorgio Melchiori da  "Tutte le opere di Shakespeare, Sansoni editore, Firenze 1964".

6 commenti:

  1. A parte i vostri vestiti bellissimi, la location proprio da favola e la glicemia piacevolmente alle stelle...lo sai che conosco quel sonetto a memoria?!?è il mio preferito!
    Ti ringrazio anche x il link alla mia ricettina, mi ha fatto molto piacere, anzi scusa se non ti ho ringraziata subito è che col telefono mi viene il delirio tremens a scrivere su internet e sono rincasata solo stasera.
    A parte tutto.... W l'amour!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Linda :) nemmeno io riesco a scrivere su internet dal cellulare, ammiro chi ce la fa ;)

      Elimina
  2. viste in ritardo ma... abito sposa per quello che vedo bellizzimo, bella forma, dei dettagli.
    abito Bimba troppo carino, lei è una fragolina tenera. abbracciala da parte mia.
    vestito tuo stupendissimo, ma che ti possino volevamo una foto in piedi a inizio giornata e non alla fine seduta e mezza di spalle. smalto turchese molto hard... e ti sta benissimo. io che vengo da una famiglia calvinista - si fa per dire ;-) - con la sorella di mio padre che si è scandalizzata quando a 44 anni mi sono fatta i buchi alle orecchie, solo da poco oso lo smalto ai piedi, ma sto sul classico, ma tu hai fatto la scelta perfetta!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari sei troppo carina :) La foto pubblicata e la mia massima concessione alla rete..io vengo malissimo per questo evito ;) Lo smalto è stato un regalo di Bimba e mi piace un sacco. Pensa che credevo mamma storcesse il naso, invece stamani mi ha detto che devo continuare ad usarlo perchè mi sta bene e secondo me starebbe benissimo pure a te, d'estate si può osare è la stagione dei colori accesi dopo tutto!

      Elimina
  3. Che bellissimo matrimonio ma innanzitutto che meravigliose Elena e tu con i bellissimi abiti!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...