lunedì 9 settembre 2013

Cake è...

Ieri non so... ero in fase bradipica.
Una domenica a casa con tante cose da fare e poca voglia di fare mescolate assieme.
Tanti pensieri.
Tanti vorrei.
Poca concretezza.
E Bimba mi dice, perchè non fai una torta, così poi ti senti meglio?
E allora mi vene in mente la "cake" di Rossella.
Non mi era forse piaciuta un sacco la sua idea letta qui ?
Raccontava Rossella sul suo blog...

C’era una volta,
una romana a Londra.
Manuela de Leonardis un anno fa in Kensington High Street trovò in un charity shop un quaderno rilegato.
Fogli a quadretti ingialliti si susseguivano. Uno dietro l’altro le hanno concesso un’occhiata.
La scrittura a mano animava la carta. Raccoglieva ricette. A volte in francese, altre in arabo.
Gateau chocolat Rose, Biscuit Ely, Croissant, Biscuit Linda, Sfouf Souad, Tarte Laurice, Kataif Souad, Gateau Tania, Tarte Hélène, Petits-fours Mary Karkalla.
Oltre sessanta ricette. Tutte di dolci. Molti nomi femminili nei titoli.
Manuela decise di prenderlo quel quaderno senza negoziare sulle 50  pence.
Oggi quel quaderno è diventato Cake. La cultura del dessert tra tradizione Araba e Occidente.
Un art & food book di 144 pagine che tramanda queste ricette degli anni ’60 o ’70 presumibilmente di una donna libanese.

Il ricavato della vendita del libro (al netto delle spese di distribuzione/promozione) va a Bait al Karama, Casa della Dignità, una cooperativa di donne, diretta da Fatima Khaddoumi e dalle italiane Cristiana Bottigella e Beatrice Catanzaro. Si tratta della prima scuola internazionale di cucina palestinese e del primo Convivio Slow Food in Palestina. Il suo obiettivo è di creare posti di lavoro per le donne che vivono nella Città Vecchia di Nablus.

Dall'incontro con il libro nasce l'idea di provare a personalizzare una delle ricette, la ricetta di una cake, affinchè la tradizione si continui e viaggi attraverso il tempo e i luoghi, facendoci assaporare una dolcezza che è di ieri, ma che deve continuare ancora oggi, specie quando venti di guerra soffiano di nuovo, anche se lontani.

Questa la ricetta originale


6 uova
300 gr. di burro
400 gr. di zucchero
400 gr. di farina
2 cucchiai di lievito in polvere
2 tazze di uva passa + frutta secca

E questa la nostra cake.
Nostra, cioè mia e di Bimba, che tra un compito di grammatica e una ultima operazione di matematica, passava a mescolare un po' e ad assaggiare pure un po'!

Ingredienti:
6 uova
300g di burro
400 di zucchero
200g di farina integrale
200g di farina di kamut
100g di farina di cocco
1 bustina di lievito vanigliato
2 cucchiai di latte
mele e pere (perchè a Bimba la frutta secca non piace)
amaretti
cannella

Abbiamo mescolato lo zucchero e il burro, aggiunto i rossi d'uovo e poi le farine, dopo averle setacciate con il lievito, il cocco e infine il latte e gli albumi montati a neve.
Dopo aver imburrato uno stampo a ciambella, ho foderato il fondo alternando fettine di mela e pera, vi ho sbriciolato sopra 4-5 amaretti e ho spolverizzato con la cannella.
Ho coperto con l'impasto e messo in forno già caldo a 180° per 40 minuti.






Ecco il risultato, dopo aver verificato con uno stecchino.


Poi l'ho girata, con il terrore che si rompesse.


E invece eccola la nostra cake, profumata e ciambellosa.


Ah, che bello, mi sono sentita proprio meglio :)
E voi volete partecipare al contest di Rossella?
Siete ancora in tempo!! 
Scade il 15 Settembre e qui trovate tutte le modalità di partecipazione: http://machetiseimangiato.com/2013/06/cake-e/

Buon inizio settimana e una fettina di cake ciambellosa per tutti!

Foto: la prima è tratta dal blog di Rossella, le altre sono opera di Elena

10 commenti:

  1. hmmm non sai quanto ci starebbe una fetta del tuo cake stamattina post nottata insonne...mi tirerebbe un pò 'in qua'... dai, facciamoci un caffè virtuale assieme, che dici? buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì anch'io ho bisogno di caffè e anche da noi nottata agitata e risveglio brusco attorno alle 5 per chiudere le finestre causa temporale..sigh.. Che per altro non ha rinfrescato nulla..ri-sigh :(

      Elimina
  2. mammamia, ho nelle narici il profumino di quella ciambella...è tardi adesso, ma una fetta ci starebbe d'incanto!! bellissima variazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla, in effetti è venuta proprio buona e sicuramente la rifarò :)

      Elimina
  3. Che bellissima torta... come se mi arriva un profumo dolce... sei bravissima.
    E che bellissima iniziativa... purtroppo non sono sicura di fare in tempo di parteciparvi, mi piace molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Titti, sarebbe davvero bellissimo tu riuscissi a partecipare al contest!

      Elimina
  4. Ciao Cristina,
    mi chiamo Francesca e sono anche io di Udine... o meglio, ero di Udine. Adesso vivo in una frazione di Faedis. Ho trovato il tuo blog girellando fra i miei amici blogger e mi hai incuriosita. Vieni a trovarmi, se ti va!!!
    Un saluto e spero di vederti
    Francesca

    RispondiElimina
  5. Benvenuta Francesca, sono appena passata a ricambiare la visita. E' bello ricevere commenti da persone della propria regione. Grazie :)

    RispondiElimina
  6. Ciao, approdo qua dalla pagina Fb di Cake é...
    Ho partecipato e mi sembra doveroso vedere come gli altri partecipanti si sono sbizzarriti...é una meraviglia vedere come tutte le Cake abbiano una propria personalità
    La tua é proprio bella e sicuramente buona, complimenti!
    Un abbraccio
    Lou

    RispondiElimina
  7. Grazie, sì sono stata molto soddisfatta del risultato finale. E' vero ciò che scrivi ogni cake è una scoperta :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...