sabato 15 settembre 2012

Staffetta di Blog in Blog: creare, decorare, arredare e viaggiare con i tessuti

Vi confesso che quando ho letto il tema scelto per questo mese sono stata a lungo in forse..
Non riuscivo a trovare qualcosa da dire, qualcosa da raccontare come mio solito.
Ero così persa, che stavo per tirarmi indietro, per scrivere che, per questa volta, avrei fatto soltanto da lettrice.
Poi una delle solite convulse mattine, rileggendo per l'ennesima volta quell'elenco di verbi legato ai tessuti, ho trovato il filo..
Sì proprio un filo di lana, quel filo che ha generato il tessuto che, ancora oggi, mi avvolge, mi coccola, mi fa ricordare e viaggiare con la fantasia: il tartan.
Ed è raccontandovi di lui che partecipo alla staffetta del mese di settembre, così come tutti gli altri amici i cui blog troverete in fondo a questo breve scritto.


Recita una comune definizione di tartan:
il tartan è un particolare disegno dei tessuti in lana delle Highlands scozzesi. Questo disegno (che in Italia si chiama "scozzese") è ottenuto con fili di colori diversi che si ripetono con uno schema definito, uguale nell'ordito e nella trama.
Pensate che si tratta di un qualcosa di talmente importante per la Scozia che il Parlamento scozzese nel 2008 con un proprio specifico atto ha creato il registro ufficiale dei tartans, per promuoverne e preservarne l'identità.
Se siete curiosi potete trovarlo anche on line qui:
 
Perchè vi parlo di tutto ciò? Considerato che non sono mai andata in Scozia?
 
Dovete sapere che, fino ad ora (chi può dire cosa succederà nel domani), non ho avuto occasione di fare grandi viaggi ed è forse anche per questo motivo che tutto ciò che riguarda queste mie sporadiche esperienze lo conservo gelosamente, come un prezioso tesoro.
 
Andai in Inghilterra per un mese, a cavallo tra l'ottobre e il novembre 1999, e una delle cose che portai a casa da quel viaggio emozionante ed interessante fu, oltre al materiale per la mia tesi di laurea, una mantella di lana in tessuto tartan acquistata ad Oxford.
 
 
Ho amato la Terra di S. Giorgio fin da quando avvistai le bianche scogliere di Dover ed è in quell'atmosfera che, quando posso, mi lascio condurre, avvolgendomi nella mia mantella quadrettata
 
 
 in compagnia di un buon tè, di un libro
 
 
e dei ricordi, di quella stanzetta un po' kitch nella ridente località di Kew Gardens alla periferia dell'immensa Londra
 

E di quella scrivania, alla quale ho passato tante ore, sognando altrettanti futuri possibili e idee e progetti...


Ad oggi ciò che mi piace di più è l'idea di poterci tornare, un giorno, con la bimba, autrice delle prime foto di questo post, ripercorrere con lei strade già viste e scoprirne di nuove (magari in terra di Scozia!)

Nel mentre seguiamo con gran piacere le vicende della quotidianità di Dalia e di Chiara che si svolgono, guarda caso, dalle parti di Londra...

Ecco, tutto qua, semplicemente.. un filo, un tessuto, il calore dei ricordi e la chiave dei sogni...

Se siete curiosi quanto me di scoprire altri tessuti, seguite il filo di questa nuova puntata della staffetta attraverso i vari blog:

Casa Organizzata - http://www.4blog.info/casaorganizzata
Alessia scrap & craft - http://www.4blog.info/school
La Diva delle Curve (Marged Flavia Trumper) http://www.divadellecurve.com/search/label/staffetta
simona elle - http://www.simonaelle.com/search/label/Staffetta%20tra%20blog
Palmy Learning is experience http://laproffa.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Monica e lo Scrapbooking
http://monicc.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
Il Pampano http://ilpampano-designbimbi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
Mammachecasa! http://mammachecasa.blogspot.com/search/label/Staffetta%20Di%20blog%20in%20blog
Vivere a piedi nudi http://vivereapiedinudi.blogspot.it/search/label/di%20blog%20in%20blog
unamammaperdue http://unamammaperdue.blogspot.it
accidentaccio http://accidentaccio.blogspot.it
Ostuni Magazine http://ostunimagazine.blogspot.it/
Cardamom: http://www.designcardamom.blogspot.it/
Mavie: http://www.mavie.it/tag/di-blog-in-blog/
Le avventure della Pandfamily - http://www.emmaeluca.com/?cat=40
Idea Mamma: www.ideamamma.it
Anna DIsorganizzata: http://disorganizzata.blogspot.com
Ero Lucy van Pelt http://erolucyvanpelt.blogspot.com/search/label/di%20blog%20in%20blog
Il mondo di Cì http://ilmondodici.blogspot.it/search/label/staffetta%20blog
fiori e vecchie pezze http://fiorievecchiepezze.wordpress.com/
Il caffè delle mamme http://www.ilcaffedellemamme.it/tag/di-blog-in-blog
La bussola e il diario http://bussolavita.blogspot.it
GocceD'aria: http://www.goccedaria.it/tag/goccedaria/staffetta%20blog.html
psicologiadicoppia http://psicologiadellacoppia.blogspot.it/
theyummymom http://theyummymom.blogspot.it/
Dovegirailsole http://dovegirailsole.blogspot.it/
Viaggi e Baci: http://viaggiebaci.wordpress.com
Due Mori Travel Blog: www.duemoritravelblog.com
Il blog di MammaGabry:http://leoperedimammagabry.blogspot.it/
Paroladilaura http://www.paroladilaura.blogspot.it/
Rabarbaro e Patate http://rabarbaroepatate.wordpress.com/category/di-blog-in-blog/
Ferengi in Addis http://ferengiaddis.wordpress.com
Pattibum http://pattibum.wordpress.com/
Elegraf http://elegraf77.blogspot.it/search/label/Di%20Blog%20in%20Blog
Hobbyimpara http://www.hobbyimpara.blogspot.it/search/label/dibloginblog
Passe-partout http://partoutml.blogspot.it/search/label/staffetta%20di%20Blog%20in%20blog
Design Therapy http://www.designtherapy.it/
Home-Trotter http://www.home-trotter.blogspot.it
Debora http://crescereduegemelli-debora.blogspot.it
Verdeacqua http://ahsonounamamma.blogspot.it/
Mammefaidate http://mammefaidate.blogspot.it/search/label/Di%20blog%20in%20blog

Prossimo appuntamento il 15 ottobre.

Foto: Elena e Cristina

41 commenti:

  1. Brava Cristina, hai trovato un bellissimo spunto!!! Anch'io sogno di visitare quelle terre.....

    RispondiElimina
  2. mi piace tanto la tua versione al tema. In caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia e buon fine settimana :)

      Elimina
  3. Anche io non volevo partecipare, e poi l'illuminazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti.. è stata proprio l'illuminazione di un momento. All'inizio pensavo di dover scrivere di qualcosa realizzato con i tessuti e poi... ho pensato che questo poteva essere comunque in tema :)

      Elimina
  4. Per questo post il titolo veramente adatto sarebbe... ricordare (o sognare) con i tessuti! Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì Palmy, direi entrambe le cose :)

      Elimina
  5. mantella, tea ed un libro (che ho appena iniziato a leggere anche io... !) ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono a metà lettura, questi giorni alla sera sono troppo cotta per leggere :(

      Elimina
  6. bell'idea, la mantella così grande e avvolgente è il mio sogno invernale!

    RispondiElimina
  7. Oxford quanti ricordi....il tuo post è un bel sogno ad occhi aperti
    Un saluto
    barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbene sì, amo sognare ad occhi aperti!

      Elimina
  8. Mi hai commosso Cristina.... Hai trovato un bel FILO conduttore! I ricordi sono sempre preziosi, soprattutto quelli che parlano di sogni.
    E la mantella e' fantastica!
    Devo proprio procurarmela anch'io, per superare il lungo inverno di quassu'....


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella l'Inghilterra e soprattutto bella la Scozia, con le scogliere, le mareggiare e quell'atmosfera medioevale. Quanto vorrei tornarci!

      Elimina
    2. Ciao Dalia!!! Io la presi in un negozio del centro di Oxford. Vendeva tutte cose scozzesi, chissà se c'è ancora..

      Elimina
    3. E sì, Laura, a me quell'atmosfera piace un sacco :)

      Elimina
  9. bellissimi i tartan scozzesi, hanno veramente un fascino speciale come la tua mantella. un bel filo di ricordi!! ciao Paola

    RispondiElimina
  10. Ecco un post caloroso come la tua coperta. La staffetta ci ha fatto viaggiare davvero, dall'India alla Scozia passando dal Messico o dall'Etiopia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo Marilu, anche la staffetta ha un suo FILO davvero affascinante!

      Elimina
  11. Ognuno di noi ha un filo di tessuto che la lega ad altri paesi....

    bellissima l'idea che hai avuto per interpretare questa tappa.....

    mi hai colpito molto

    complimenti

    MOni

    ^_^

    RispondiElimina
  12. Ottima la tua idea dell'ultimo minuto! E molto carina anche la tua stanzina di Londra. E ovviamente bella la mantella, e direi anche di ottima qualità vista la sua lunga vita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri! In effetti la tengo con molta cura, ma il materiale è ottimo, non ha mai perso la sua morbidezza :)

      Elimina
  13. Che bello, io adoro la Scozia e mi hai fatto venire una gran voglia di tornarci!

    RispondiElimina
  14. Belli i ricordi...mi suscitano sempre molta tenerezza! Grazie per aver condiviso i tuoi con noi!

    RispondiElimina
  15. E' stato bello Michela, come riviverli un po' :)

    RispondiElimina
  16. Un ricordo che si stampa nell' immobilità e perchè no, utilità di un oggetto...molto bello! Spesso mi ritrovo tra le mani vecchie cose e immediatamente cominciano a scorrere immagini della mia vita!! E' una cosa che mi affascina molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una cosa che succede anche a me, Olga. La maggior parte degli oggetti di casa mia ha una storia, è legato a un ricordo preciso..

      Elimina
  17. come sempre carissima un bellissimo post e un bellissimo tartan :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari!! Buon inizio settimana :)

      Elimina
  18. ma che bellissimo post!! hai trovato un'idea molto originale, brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura. All'inizio mi ero fissata sul creare, ma non sono granchè con i tessuti poi.. l'idea di parlarvi di questo. Sono proprio contenta via sia piaciuto. Buon inizio settimana anche a te :)

      Elimina
  19. Che bella atmosfera avvolgente che evoca il tuo post. Anche a me Londra è piaciuta parecchio, anche se l'ho vista per pochi giorni e in condizioni poco rilassanti.
    Ma la tua tesi? Forse ne ho già letto in qualche tuo post ma ora, smemorona, mi incuriosisce il tema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia tesi era in storia dei trattati e politica internazionale. Si trattava di studiare la strategia diplomatica utilizzata dalla Gran Bretagna per coinvolgere gli Stati Uniti nel Primo Conflitto Mondiale. La goccia che fece traboccare il vaso fu l'affondamento del piroscafo Lusitania, silurato da un u-boot tedesco. Morirono oltre 200 cittadini americani (oltre agli altri). I tedeschi si difesero dicendo che a bordo erano trasportate armi e munizioni di contrabbando e in effetti la lista di carico fu secretata. I Tedeschi avevano ragione, ma gli Stati Uniti entrarono comunque in guerra e questo cambiò il corso del conflitto facendolo terminare nella maniera che conosciamo..

      Elimina
  20. Eccomi qui questa volta in ritardassimo ma sono arrivata. Bellissimo questo post, perché pensa un po' pure io sono stata a Londra nel 1999 purtroppo solo una settimana ma già l'amavo e ora è una città che ho nel cuore. Ci sono tornata poi nel 2007 incinta di 4 mesi e ora non vedo l'ora di tornarci col mio piccolo spero presto...approfittando del fatto che ho una cara amica che vive la..:-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...