martedì 15 aprile 2014

Staffetta di Blog in Blog: nel mio armadio ho trovato...

Il titolo uscito dal sondaggio per la staffetta tra blogger di questo mese (se ve ne siete persa qualcuna, qua trovate le altre) mi ha fatto mumblizzare sul fatto che in realtà, se si eccettua il periodo della prima infanzia, che comunque non fa testo visto che era mamma a gestirlo e non io, non ho mai avuto un armadio esclusivamente mio.
Davvero.
E quindi cosa dire?


Forse che sono una persona che ama condividere i suoi spazi, del resto anche qui sul blog lo faccio, condivido con voi, cari lettori, spazi della mia esistenza e la cosa mi rende felice.
Degli armadi di mamma, ad esempio, ho sempre invidiato e invidio tutt'ora l'ordine.
Sono ben sistemati e profumano di lavanda.
L'unica cosa che ci accomuna.
L'ordine? Ma no!!
Il profumo di lavanda.
Per il resto nei miei è tutto un caotico intrecciarsi di vari disordini, delle persone che vivono con me.
E poi i colori.
Avete mai osservato i colori dei vostri armadi?
Del loro contenuto, intendo.
I miei sono scuri per l'autunno e l'inverno e pieni di sbuffi di colore in primavera ed estate.
Perchè io d'inverno mi sento grigia, marrone e nera, mentre d'estate, c'è tanto azzurro e bianco e fucsia e colore insomma.
E poi c'è la parte bassa dell'armadio, quella che dovrebbe esser vuota e che vuota non è mai, dove ci sono scatole, che non ricordi cosa contengono, finchè un giorno ti metti lì e le apri e pensi, "ecco, lo cercavo", oppure, "ma pensa qui era finito".
E vogliamo parlare dei vestiti che per tanti motivi non si indossano più.
Periodicamente alcuni se ne vanno, ma altri hanno un contratto d'affitto perpetuo con l'armadio, perchè sono legati a ricordi che rifiuti di lasciar andare, come se la speranza di indossare di nuovo un vecchio vestito possa riportare indietro le lancette dell'orologio.
C'è il mio essere compless-creativa appeso dietro quelle ante, ma, come dicevo, c'è anche questa sensazione da allontanare, su cui mi sono soffermata.
La solitudine.
Mi spaventa.
Non la solitudine di un momento, quella è piacevole, a tratti decisamente agognata.
Ma quella profonda, nera.
Quella sì.
E allora, bando all'idea di razionalizzare il contenuto, perchè al mattino quando apro l'armadio e brontolo per quel suo aspetto tendente al caotico, sotto sotto, sorrido.
Non sarò mai intrinsecamente ordinata, ma sempre decisamente complicata.

Buona giornata a tutti voi!
La mia è iniziata così...
Ecco, ve la lascio sbirciare :)


"La nostra mente è una successione di stanze in cui depositiamo i nostri ricordi. Alcuni vengono sistemati a dovere sulle mensole, altri sono gettati alla rinfusa, in fondo a qualche ripostiglio polveroso. Se non riesci a ritrovarli, serviti del tuo occhio interiore come se fosse una lampada, ispeziona le stanze a una a una, osserva con attenzione il raggio luminoso che proietti dentro di te. Allora raggiungerai la stanza in cui si trova il ricordo che desideri".
(cit. da Claude Izner - Il Mistero di Rue des Saints_Peres)

Questo mese abbiamo deciso di non pubblicare tutto l'elenco dei blog partecipanti, ma solo quello del blog che segue quindi, mi raccomando andate a visitare il blog di Elisa per continuare il giro:
Prossimo appuntamento con la staffetta il 15 maggio.
La pagina ufficiale della staffetta la trovate qui: https://www.facebook.com/groups/staffettaBLOG/
Questo invece l'indirizzo del gruppo su Facebook a cui iscriversi per partecipare:

8 commenti:

  1. Penso che i miei armadi assomiglino ai tuoi e anche io se brontolo per il loro disordine in fondo li amo così. Piacciono anche a me i libri di Izner, credo di averli letti tutti. Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Armadio disordinato anch'io, colori scuri d'inverno e coloratissimi d'estate.
    Bellissima la citazione, le stanze dei ricordi.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  3. Sì le scatole ci salvano.. anche se poi non ricordiamo mai cosa abbiamo messo lì dentro

    RispondiElimina
  4. Io decisamente sorvolo sui colori del mio armadio...non mi piace attirare l'attenzione su di me e quindi sono per i colori neutrissimi che più neutri non si può!! ^_^

    RispondiElimina
  5. W le decisamente complicateeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!
    e sempre disordinate!!

    :D

    RispondiElimina
  6. io sono complicata ma sono ordinata come non mai nel mio armadio ..fuori un vero delirio...detto questo ho colori da vendere ma poi siamo sempre lì ...mi butto sul neutro :))))

    RispondiElimina
  7. leggere il tuo post mi ha dato una sensazione di calma...no non è l'ora, non ho sonno, è stato rilassante, un nonsochè di tranquillità....ho sentito il profumo della lavanda

    RispondiElimina
  8. Spero che tu riesca a mettere da parte che quest'ombra della solitudine ;) Ciao!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...