giovedì 27 febbraio 2014

Caro Presidente del Consiglio...

Caro Presidente del Consiglio,

sono la mamma di una Bimba-quasi ragazzina che a settembre inizierà la scuola media, quella che oggi si chiama scuola secondaria di primo grado.
Lo ammetto, visto che il termine per le iscrizioni è domani, mettersi al computer ieri sera per effettuare l'iscrizione on-line è stato un azzardo, data la prossimità della scadenza e dato che siamo in questo bel Paese dove semplificazione pare faccia spesso rima con confusione.
Sono solo una mamma e non un tecnico informatico, caro Presidente, e lavoro (per fortuna, visti i tempi e lungi da me lamentarmi) tutto il giorno.
E le mie giornate volano, come penso le sue, visto il bell'impegno che si è preso sulle spalle.
E poi in questa famiglia, oltre a me e Bimba c'è pure un papà, impegnatissimo pure lui, che ci teneva tanto a fare questa cosa dell'iscrizione assieme.
E quindi eccoci, tutti e tre davanti al computer documenti alla mano, subito dopo cena.
Leggiamo le istruzioni da bravi e iniziamo la procedura.
E' richiesto il codice meccanografico della scuola e ce l'abbiamo, ma scopriamo che serve anche quello della scuola di provenienza.
E'tardi ovviamente per chiamare la scuola, ergo utilizziamo il portale indicato per la ricerca e il sistema si blocca.
Riavviamo tutto e cominciamo nuovamente.
Inseriamo dati e codici, diamo invio e niente.
Quel riprova più tardi, fa tanto ritenta sarai più fortunato del concorso nel pacchetto di patatine.
E invece noi siamo alle prese con una cosa molto importante, non crede anche Lei?
Sono solo le 9 di sera, sicuramente altre famiglie hanno avuto la stessa idea, bisogna portar pazienza, riproveremo più tardi, ci diciamo.
Ore 22.00 secondo tentativo, nulla di fatto.
Ore 23.00 ormai la Bimba-quasi ragazzina è andata a dormire e mamma e papà ci riprovano da soli.
Niente.
Rischio piccolo screzio, mamma dice a papà: "Vedi che siamo arrivati troppo vicino al termine e non funziona!!!"
E si va a letto non troppo contenti.
E io rimugino, lui non so, ma io rimugino fino a che la stanchezza ha il sopravvento.
Mattina di oggi ore 7.00 tra colazione da preparare e una Bimba-quasi ragazzina che si veste da principessa per la festa di giovedì grasso a scuola, accendo di nuovo il computer e tento ancora.
Niente.
Nessuna domanda presentata.
Ore 7.30 illuminazione divina, ignoro la scritta nel portale che dice che si possono utilizzare per l'iscrizione tutti i più comuni browser basta che siano aggiornati e invece di aprire chrome vado su explorer.
Bevo un sorso di caffè.
Mi rimbocco le maniche.
Ridigito tutto.
E finalmente va.
La mail di conferma arriva e tiro (sono sola perchè marito è già al lavoro) un sospiro di sollievo, che le garantisco, penso sia stato pari al Suo, quando ha avuto la conferma della fiducia da entrambi i rami del Parlamento
Ho calcolato che, sommando i vari tentativi, il tempo impiegato è stato di oltre un'ora.
Bimba-quasi ragazzina frequenta attualmente una scuola paritaria che non aveva aderito al sistema delle iscrizioni on-line. Dal primo anno fino all'ultimo per l'iscrizione ci veniva consegnato un modulo da compilare (tempo cinque minuti, massimo dieci) che poi doveva essere restituito in segreteria entro il termine (veniva dato in genere un mese di tempo). Il tempo di consegna era quello di un " buongiorno-bel tempo oggi- arrivederci" con la segretaria.
E vissero tutti felici contenti e iscritti al nuovo anno scolastico.
La mia, si badi, non è una critica ad un sistema che potrebbe funzionare, ma solo una nota di un'esperienza vissuta, perchè tutto si può migliorare.
Se Lei non fosse un giovane papà, ma uno dei soliti presidenti del consiglio italiani avanti con l'età, non avrei scritto questo post.
Ma mi è venuto così, perchè se per caso dovesse leggerlo, ecco io verificherei un attimo se questo sistema sia realmente efficiente.
Certo gli alberi del mondo ringraziano per il risparmio di carta, anche se..
Per l'iscrizione cartacea era sufficiente 1 foglio.
E la prima cosa che ho fatto questa mattina dopo l'arrivo della mail di ricevuta contenente il codice progressivo è stata una stampa della stessa per sicurezza, quindi ho utilizzato 1 foglio.
Poi la telefonata a marito per dirgli che era fatta.
L'unica ancora ignara è la Bimba-quasi ragazzina che stamattina mi ha lasciato con l'aria preoccupata e un "Ma riuscirete ad iscrivermi vero?".
Speriamo che crostoli, mascherine e stelle filanti le abbiano fatto dimenticare questo dubbio, quello che cioè nel suo paese semplificazione continui a far rima con confusione.
Che ne pensa Presidente?
Chissà se sia cosa che meriti un po'di attenzione.
E mi scuso in anticipo se sono stata inopportuna, ma sono solo una mamma italiana alle prese con la quotidianità italiana.

Buona giornata e buon lavoro
Maria Cristina mamma di Elena



E a voi care lettrici e cari lettori, come è andata con le iscrizioni on-line?

Immagine liberamente tratta dalla rete.

martedì 25 febbraio 2014

Una domenica a Sauris

E' incredibile come dopo una giornata grigissima di pioggia, l'azzurro irrompa senza se e senza ma.
E se lo fa di domenica è il tempo di lasciare le soffici coperte per regalarsi una gita fuori porta, magari a caccia della neve, ma soprattutto del sole.
Come le lucertole.
Con lo stupore dei bambini, che della neve vedono solo il bianco splendore e non la lunga trafila di disagi.
Un'ora e mezza di macchina.
I panini in borsa.
La macchina fotografica.
I vestiti adatti e gli occhiali da sole.
Ecco gli ingredienti della nostra domenica a Sauris.
Che non è il luogo più turistico e gettonato, ma è uno dei più belli e, penso, il più alto della nostra regione.
Per tutte le notizie in merito vi rimando a questo bel sito: http://www.sauris.org/
Poi vi consiglio questo blog: http://lacasadihilde.blogspot.it/
E ora vi lascio alle immagini, che raccontano più di mille parole, la bellezza autentica e semplice del fondersi fra natura e uomo.
Prendete questo post come una cartolina per voi, care lettrici e cari lettori, che ci seguite sempre con tanto affetto.
Saluti da Sauris da Cristina e Elena!






























Che ne dite della gita?
A presto!

Foto: quelle dove c'è Elena sono mie, le altre sono di Elena :)

venerdì 21 febbraio 2014

Il meglio di febbraio #3

Quando si è stanchi bisognerebbe fermarsi.
Riposare.
Altrimenti si rischia di fare cose in fretta e non troppo bene.
Lo so, non è semplice.
Specie quando gli impegni sono pressanti.
Ho imparato a ritagliarmi delle minuscole pause durante la giornata.
Perchè la lettura di un post non richiede ore, ma istanti che possono trasformarsi in momenti di riflessione, certo, ma soprattutto in momenti di autentica, piacevole evasione.
Momenti preziosi che mi piace condividere.
Quindi, partendo dal post di Laura, ideatrice dell'iniziativa, ecco i miei link preferiti della settimana :)
http://www.paroladilaura.it/2014/02/storia-del-grande-amore/


Viaggiare attraverso i blog è meraviglioso. Si viene catapultati altrove in un attimo e si vivono le emozioni non solo con i propri occhi e il proprio cuore, ma in piena sintonia con gli occhi, il cuore, i sensi dell'autore che ce le regala.

E' il caso di Valentina e della sua Sardegna:


Di Chiara e della sua Londra: 

Di Titti e del suo Giappone: 

Di Giuseppina e della sua Provenza: 

E poi si può viaggiare anche attraverso la cucina come fa Giulia in questo post dal sapore orientale: 

Il post di Lory mi fa ricordare che non ho ancora preparato nulla di carnevalesco quest'anno e lei, appunto, mi fornisce un'ottima ispirazione:

Due articoli interessanti per due aspetti diversi.

Quello di Serena sul blogging professionale: http://bismama.com/proporsi-come-webwriter-o-blogger/

E questo che è dedicato ad una problematica che sento molto: 

Infine vi ricordo che in questi giorni ho partecipato sia alla "Staffetta di blog in blog" che a quella "di cucina in cucina". Se non gli avete già letti vi rimando ai miei post, dove potrete trovare anche i link di tutti gli altri partecipanti.
Buona lettura e buon fine settimana!

Ps. E fatemi sapere se questa mia piccola rassegna vi è piaciuta, che tengo molto alla vostra opinione.

Ps. 2 Se avete altri blog di viaggi da consigliarmi linkateli nei commenti, grazie!


giovedì 20 febbraio 2014

Staffetta di cucina in cucina: patate

Io cerco di programmarmi.
Sono una persona generalmente ordinata e che riesce ad organizzarsi e a fare tante cose.
Ma niente, anche se tento di programmare una sorta di scaletta per questo blog, non ci riesco.
E' il mio diario.
Non riesco a scriverci a comando.
Non posso programmare cosa dirò di una cosa fra due giorni, perchè quello che sto pensando ora, lo stato d'animo con cui lo sto pensando, potrebbe non essere lo stesso fra due giorni, che poi due giorni è indicativo, si fa per dire.
Avete presente la miriade di stati d'animo che ci sono in una giornata?
No, ok, non è un post filosofico.
Era solo per dirvi che, anche se ero perfettamente consapevole che domani è il giorno 20 e c'è l'appuntamento con la Staffetta di cucina in cucina, sono arrivata a sera senza aver preparato nulla.
Disastro.
Ma no.
Dopo tutto, l'ingrediente di questa puntata è un qualcosa che non manca mai: dove ci sono io ci sono sicuramente anche delle patate.
Non si scappa.
Ma le patate lesse non sono una ricetta originale.
No.
Quindi ho lessato sì le patate (con la buccia), ma poi ho aperto il frigo e mi sono lasciata ispirare, mentre annusavo un po' di origano che mi ha dato l'idea.
Ecco ora lo sapete, sniffo origano per ispirarmi :D
Il risultato è questo contorno, che può essere anche un unico piatto, perfetto per accompagnarsi ad altro, ma anche da solo.
Perchè no!
Una ricetta veloce, veloce e profumata di un mix di Mitteleuropa e Mediterraneo.

Ah già gli ingredienti, che sbadatella :)

Patate
5-6 pomodori secchi sott'olio
capperi
origano
parmigiano
pangrattato
sale, pepe
olio extravergine d'oliva

Lessate le patate con la buccia in acqua salata. Una volta cotte sbucciatele e tagliatele a rondelle. Ungete leggermente una teglia e disponete le patate. Tritate pomodori e capperi e spargeteli sulle patate.


Mescolate due cucchiai di pangrattato con due di parmigiano, una generosa manciata di origano, una macinata di pepe e spolverizzate le patate.


Fate gratinare in forno a 200° per circa 15 minuti.
Ecco fatto.

Che ne dite?
Ora vado a sbirciare il Festival e vi ricordo domani, dopo le ore 9.00 di dare una sbirciata alle altre cucine qua sotto:

7. Daria GocceD'aria: http://www.goccedaria.it/
8. Laura Bimbiuniverse http://bimbiuniverse.lenuovemamme.it

Prossimo appuntamento e prossimo ingrediente il 20 marzo.

Foto: Cristina

martedì 18 febbraio 2014

Dal Diario di Lei: San Renzi e San Remo. Tutta un'altra musica?

Lei ringrazia il Padre Eterno che oggi ha concesso un timido raggio di sole.
Solo uno si badi, perchè noi abbiamo l'abbonamento al grigio spinto, neanche fosse l'ennesimo capitolo delle cinquanta sfumature di grigio di erotica memoria.
Ah, no ormai in Italia il bunga bunga è lento.
Ora siamo tornati tutti sotto l'ombrello protettivo e rassicurante di Santa Romana Chiesa.
E' così che un Presidente del Consiglio in bilico (tal Letta, lo ricordate?) giorni fa si affidava alla Divina Provvidenza, per proseguire nel suo cammino irto di una lunga teoria di pronipoti di Giuda.
Forse a scuola non aveva letto i Malavoglia.
Nemmeno Lei lo ha fatto, perchè, dopo le prime pagine, aveva pensato bene di rivolgersi all'editrice Bignami, perchè la sfiga si sa è meglio maneggiarla con cautela e non lasciarle troppo spazio.
Se Letta avesse letto i Malavoglia avrebbe capito che affidarsi alla Provvidenza non è poi così rassicurante, che la Provvidenza nel romanzo affondava e pure l'Italia è lì lì signori miei.
E non è solo causa del meteo e del riscaldamento globale.
Arriviamo ad oggi.
Che accade oggi?
Ma come?
Non lo sapete?
No dai Lei non vi crede!
Renzi è il Presidente del Consiglio incaricato?
Ma no.
Renzi ha avviato le consultazioni per formare l'ennesimo governo non votato dagli Italiani, ah, scusate, ma certo, nemmeno lui è stato eletto Presidente del Consiglio da qualcuno, e quindi perchè consultare gli Italiani? Lui è il leader del popolo delle primarie e questo è più che suff. nel XXI sec.
E comunque no.
Lei scuote la testa e mangia la sua forchettata di verze in padella (che anche se non sembra inverno, viste le temperature, è pur sempre tempo di verze e non di fragole!).
Insomma volete forse far credere a Lei, cari lettori, che non sapete che stasera inizia la saga del Santo più famoso d'Italia?
No, non è San Francesco e nemmeno San Benedetto, che ancora non c'è traccia di rondini sotto al tetto.
Lei sillaba per essere meglio compresa anche dai non udenti:
s-t-a-s-e-r-a--i-n-i-z-i-a--S-A-N-R-E-M-O!
Eccoci.
E' lì che Lei voleva arrivare.
No, Lei stasera non seguirà la prima puntata, ma che importa, lo farà domani.
Ogni serata al suo interno ha le repliche di se stessa.
E' come Beautiful.
Se perdi un episodio nemmeno te ne accorgi.
E' come il Governo italiano.
Se perdi una consultazione o anche un governo, non importa tanto ci sono sempre gli stessi attori, con le stesse promesse di terra promessa.
Lei fa sì con la testa.
Lo sa che ora c'è questa sorta di Messia 2.0 dall'aria sbarazzina, l'accento dantesco e il chiodo di pelle.
Lo sa.
Gli ha pure scritto un tweet, un cinguettio, perchè quel #proviamoci buttato là a Lei pareva un tantino poco per uno che fa un po' l'Obama sbiancato de no'altri.
Caro Matteo #crediamoci sarebbe stato meglio.
Ma Lui a Lei non ha risposto.
No Lei non si aspettava rispondesse.
Però se questa sera e per le altre sere del festival voi twitterete con le #mammeasanremo ecco lì garantisco ci sarà da divertirsi e ci sarà spazio per tutti belli e brutti.


Che altrimenti non ci resta che piangere su questa povera Italia non più gran bordello certo, ma ancora nave sanza nocchiere in gran tempesta.
Per ora dunque San Remo batte San Matteo nelle aspettative di Lei.
Tra qualche giorno sicuramente grazie al primo canticchieremo sotto la doccia qualche nuovo motivetto, del secondo abbiamo solo quel #proviamoci a mezz'aria, che non è mica una novità.
Lei, come milioni d'Italiani non interpellati, ogni mattina si alza dal letto e ci prova ad andare avanti, che l'obiettivo è la fine del mese, non la fine del festival!

Foto: http://www.mammacheblog.com/mammeasanremo/

sabato 15 febbraio 2014

Staffetta di blog in blog: vita online e vita reale. Rette parallele, convergenti o divergenti?

Sto sbirciando un film un po'datato, ma pur sempre divertente, di cui, tra l'altro ho letto il libro.
Ce l'avete presente quello del teorema della mucca nuova?
Con Ashley Judd  Greg Kinnear e un bellissimo giovane Hugh Jackman?
Film del 2001 con le Torri Gemelle ancora in piedi... per poco.. Purtroppo.
Sbircio, penso e scrivo.
Oddio penso.
E sì perchè è carino pensare prima di scrivere.
Rende quello che digiti sensato.
Sempre che tu riesca a trovare il filo logico dei pensieri.
Ora ad esempio dovrei scrivere qualcosa di attinente al titolo della staffetta tra blogger Di Blog in Blog perchè è il 15 del mese e perchè il tema vincitore del sondaggio è davvero molto interessante.





venerdì 14 febbraio 2014

Il meglio di febbraio #2

Giornata di sole.
E quando, dopo interminabili giornate di pioggia, pioggia e ancora pioggia, esci in terrazzo e ti lasci baciare dai raggi tiepidi e scopri una rosa inaspettata, la giornata vi confesso non può essere che buona.


Buona come il sapore del caffè.
Buona come la pagella di una Bimba quasi-ragazzina ritirata oggi pomeriggio, letta e riletta un sacco di volte perchè ci piace, perchè siamo contenti lei, io e papà e nonni.
Poi oggi è arrivata Agata e siamo stra-felici per la sua mamma e il suo papà che iniziano la vita a tre con il sole.
Insomma c'è stato tanto di buono in questo venerdì, persino lui che, a pranzo, mi ha portato una torta al cioccolato a forma di cuore.
E io che pensavo che per lui fosse soltanto un venerdì come tanti e invece, pur sapendo che, no la festa degli innamorati, bleah... poi però invece... Era l'ultima mica potevo lasciarla lì!

Bella, ecco, semplicemente una bella giornata.

E mi sono ricordata del post, come promesso. Quindi....


Innanzi tutto un saluto a Laura, ideatrice di questa iniziativa, che so non esser stata molto bene in questi giorni.

Ho letto varie cosette interessanti in particolare relative a un tema cui tengo molto.
Mi sono ripromessa infatti di riordinare il mio computer, fare un po' di pulizie e organizzarlo meglio, nonchè fare un po'di sensato salvataggio delle cose cui tengo di più e allora post come quello di Sara sono una vera manna http://www.mammachetesta.com/2014/02/organizzare-file-e-preferiti/
Come pure questo di Serena: http://bismama.com/organizzare-le-foto-digitali/
Sempre Serena parla di Linkedin e mi fa ricordare che è da un po' che dovrei sistemarlo quel benedetto profilo, così come fare l'upgrade a google + che, no, non ho ancora fatto!
http://bismama.com/limportanza-di-avere-un-profilo-linkedin/  
E voi avete un profilo su Linkedin? Che ne pensate?

Mi sono divertita un sacco a leggere le candid camera di Viaggio di Monica e degli altri partecipanti alla puntata di questo mese de Il senso dei miei viaggi: http://viaggiebaci.wordpress.com/2014/02/11/candid-camera-in-valigia/

Ma anche a tornare indietro nel tempo con Silvia. Vedere New York con gli occhi di una bambina curiosa e immaginare cosa proverebbe la mia di Bimba se riuscissi a portarla nella Grande Mela: http://www.thegirlwiththesuitcase.com/2014/02/andare-in-america-con-bambini.html

Dai viaggi alla scuola con il post di Raffaella che presenta alcuni blog che parlano del metodo Montessori, una metodologia didattica che più ne leggo, più, con il senno di poi, avrei scelto per mia figlia, se solo dalle nostre parti fosse stato più conosciuto: http://www.babygreen.it/2014/02/montessori-5-blog-da-seguire/

E infine un dolcetto che ho intenzione di sperimentare a stretto giro e che mi ha fatto scoprire un altro bel blog, quello di Ornella alias "Gialla tra i fornelli": http://www.giallatraifornelli.com/2014/02/sfogline-arancia-e-cannella-caramellate-pasta-sfoglia.html

Ecco è ora di cena.
In tv scorre la finale maschile del pattinaggio sul ghiaccio, ve l'ho detto che adoro il pattinaggio?

Buona serata e appuntamento a domani con la Staffetta di Blog in Blog!

Foto: Cristina

giovedì 13 febbraio 2014

Di melanzane dimenticate e corse ad ostacoli

Ci sono mattinate che volano proprio come folate di vento improvvise.
In cui entri nel vortice e, quando riesci ad uscirne, sei come stranita.
E' come quando c'erano le VHS e mandavi avanti la storia veloce quel tanto che ti consentiva di raggiungere il punto cercato e, quello che durava minuti, si comprimeva in pochi secondi.
Capita di rientrare a casa e, dopo aver deciso di non guardare l'entropico spettacolo di tutto quello che sta dove non dovrebbe stare, scopri delle melanzane che avevi iniziato a preparare e che hai inesorabilmente dimenticato.
Un sospiro.
Una sorta di reset mentale di tutto il rimanente della turbo-mattina e l'idea di fare qualcosa per te stessa, visto che, guarda un po', hai da poco scoperto di essere sola a pranzo.
Qual migliore occasione di sperimentare?
Ed ecco il risultato.


A me è piaciuto e quindi ho pensato bene di fotografarlo e lasciarvi la ricettina, prima di riprendere il volo, che la giornata non finisce qui!

Riso e melanzane aromatizzato al curry

Ingredienti
un avanzo di melanzana
riso basmati
1 scalogno
curry
olio extravergine di oliva

Mentre si cuoce il riso, tagliate fine lo scalogno e fatelo soffriggere in un cucchiaio di olio extravergine di oliva e due cucchiaini di curry (ve l'ho detto che amo il curry?). Aggiungete le melanzane tagliate a pezzetti. Scolate il riso e aggiungetelo alle melanzane. Altri un, due, tre salti in padella e il vostro piatto, saporito al punto giusto è pronto. Se poi avete un po' di basilico, secondo me è perfetto.
Ciaooooo!

Ps. Sì lo so domani è venerdì e metterò il post con le letture della settimana, ho tutto in mente tranquilli...Stay tuned!

Foto: Cristina

venerdì 7 febbraio 2014

Il meglio di febbraio #1

Ieri su Facebook ho letto questa frase di un'amica pedagogista Barbara Laura Alaimo:

Un'altra parola che non sopporto più: "gestire". 
Gestire il tempo, gestire lo stress, gestire le persone, gestire le risorse, gestire il potenziale, gestire la casa, gestire i figli... 
Sostituite "gestire" con "vivere". E smettiamola di gestire e iniziamo a vivere.


Ovviamente ci ho mumblizzato sopra perchè sento di condividerla, specie dopo una serie di giornate che potrebbero essere definite "ingestibili".

E invece no.

Sono solo giornate vissute.

E vissute intensamente.

Per questo non sono riuscita a scrivere ed è per questo che ora sto scrivendo.

Perchè se nella gestione del mio tempo di oggi, questo potrebbe sembrare tempo perso, nel mio vivere di oggi questo è un piccolo, prezioso momento da vivere, appunto.

Un momento imprescindibile.

Non riesco a restare lontana da questo angolino troppo a lungo, sapevatelo.

Perchè?

Perchè sento la vostra mancanza, cari lettori, e quindi eccomi qua con l'aroma di caffè virtuale nell'aria e quello dolce, ineffabile di una torta al profumo frizzante d'agrumi come quella che propone oggi la mia amica Rossella: http://machetiseimangiato.com/2014/02/torta-di-semola-al-profumo-di-agrumi/

Vi lascio le mie letture, frutto del giroblogging quotidiano (più o meno), accompagnate da alcune semplici consapevolezze...


So, ad esempio, che oggi proverò la parmigiana nella versione di Barbara: http://www.mammafelice.it/2012/09/11/la-parmigiana-di-melanzane-e-zucchine/ 
perchè è tornato il cielo grigio e io ho tanta, ma tanta voglia di un po' d'estate.

So che mi piacciono i fiori di Zelda: http://zeldawasawriter.com/2014/02/fiori-frasi-solo-fiori/ 


e quelli del mercato descritto da Chiara: http://machedavvero.it/2014/02/columbia-road-market/

le foto di Simona, che mi portano dove non sono potuta andare, ma mi sarebbe piaciuto: http://www.simonaelle.com/2014/01/homi-milano-il-nuovo-macef.html

e la cartolina sbrilluccicante di Marina da Parigi: http://www.altezzareale.com/2014/02/06/news/cartolina-parigi/

e infine vi confesso che sì anch'io, quando capita, mi diverto ad andare ancora in altalena come Laura: http://www.paroladilaura.it/2014/02/la-vita-in-altalena/

Perchè ho scritto?

Perchè son cose belle.

E le cose belle diventano ancora più belle se si condividono.

Vero?

Buon venerdì e buon fine settimana a tutti voi!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...