lunedì 28 febbraio 2011

Le mascherine di Carnevale

Oltre ai più consueti dolci carnevaleschi a casa mia sono entrati nella tradizione questi biscotti, belli da vedere, buoni da mangiare e divertenti da confezionare...

Le mascherine di Carnevale

Ingredienti:

250g di farina 00
150g di burro (io ho usato la margarina)
90g di zucchero al velo vanigliato
1 uovo
buccia di limone (non trattato) e un pizzico di sale

Per le decorazioni: codette colorate e glassa colorata (la trovate al supermercato in pratici tubetti), marmellata o miele come collante.

Impastate la farina, lo zucchero, il burro morbido, l'uovo, il sale e la scorza di limone


fino ad ottenere un impasto liscio. Ponetelo in un contenitore


e fatelo riposare in frigo per circa 30 minuti.
Nel frattempo da un cartoncino ricavate la sagoma di una mascherina.


Stendete la pasta e ritagliate le mascherine, adagiatele in una teglia da forno e spennellatele con un velo di miele o marmellata (io ho usato la marmellata di albicocche fatta dalla mia mamma) per far aderire le codette.


Sagomate il naso aiutandovi con della carta stagnola e infornate a 180° per circa 15 minuti.


Togliete le mascherine dal forno e, una volta raffreddate, divertitevi a completarne la decorazione con le glasse colorate.


Assolutamente da sgranocchiare in compagnia...


Ps. Elena ha voluto un primo piano, per mostrare bene il suo lavoro di decorazione :)


Buon Carnevale a tutti!!!

Foto: Cristina & Elena

sabato 26 febbraio 2011

Particolarità dalla B.I.T. 2011

Questo post conclude la sorta di reportage che vi ho offerto grazie alla mia esperienza alla BIT 2011, ossia un'ultima serie di immagini dedicata a particolari su cui mi sono soffermata..
Naturalmente, anche in questo caso traspare, la mia attenzione per il lavoro artigianale, che, come vi dicevo, mi affascina molto.
Ecco ad esempio un' opera proveniente dalla scuola per mosaicisti di Spilimbergo (PN)


Trovate le notizie in merito qui http://www.scuolamosaicistifriuli.it/
Un altra mia passione sono gli strumenti musicali. Oltre ad uno splendido pianoforte Fazioli esposto nello stand del Friuli Venezia Giulia, che però non sono riuscita a fotografare decorosamente (troppe luci..) e di cui trovate notizie qui http://www.fazioli.com/ , nello stand delle Marche si mostrava l'assemblaggio della fisarmonica,



mentre in quello della Lombardia, a cura del Consorzio Liutai "Antonio Stradivari", un giovane stava intagliando un violino...Meraviglia!


Passando a cose simpatiche, chi di voi, donzelle, non vorrebbe accedere a questo avito maniero in groppa ad un destriero e con principe al seguito?


Peccato che ,come spesso accade, la favola sia destinata a svanire.. Sarà per questo che il castello è fatto di sabbia?


Lasciata questa incredibile opera nello stand del Veneto, mi sono premurata di consigliare a mia sorella che sta nella ridente e montuosa Svizzera questa bici debitamente attrezzata


e non nego una passione compulsiva per questi lampadari che illuminavano lo stand dell'Islanda.


Un buon sabato a tutti, ricordando che siamo in periodo carnevalesco, tema che sarà centrale nel prossimo post gastronomico.. A presto!! :)


Foto: Cristina

giovedì 24 febbraio 2011

Sapori dalla B.I.T. 2011

Come vi dicevo nel post precedente, la B.I.T. non mi ha colpita solo per i suoi colori, ma anche per i suoi sapori e, dato che siamo ad ora di cena, mi pare il momento adatto per condividere questa esperienza gastronomica che ho vissuto comodamente seduta sul soppalco panoramico del sito della regione Friuli Venezia Giulia..




Già i prodotti esposti al pianterreno erano interessanti e poi ,al piano di sopra, anche l'atmosfera era ben confezionata..

Io mi sono seduta qui...


C'erano un sacco di cose sfiziose...


Dalla "sarda in savor" su cubetto di polenta,


alla trota salmonata,


all' immancabile prosciutto crudo


da accompagnare con erbette simili a puntarelle,


dai rotolini di bresaola su lettino di rucola,


alle classiche (e dall'effetto "una tira l'altra") cialdine di frico.


Ho assaggiato inoltre un delizioso asià in boreto con polenta


e uno gnocco di patata ripieno di prugna,


che ho valorizzato con un bicchiere di Ribolla gialla ferma.. Una bontà :9


Per chi non le conosce, le "sarde in savor" sono sarde fritte e poi marinate in cipolla, pepe, ginepro, alloro, vino bianco e aceto.
Il "boreto" invece è un metodo di cottura tipico dell'isola di Grado e delle zone costiere e prevede la cottura del pesce in una casseruola con olio, aglio, aceto e acqua, per ottenere il sughetto tipico ottimo assieme alla polenta morbida.
Infine lo gnocco di patate e susini è tipico della Venezia Giulia  (ossia delle province di Gorizia e Trieste), è una ricetta mitteleuropea.

Foto: Cristina 

martedì 22 febbraio 2011

Sensazioni dalla B.I.T. 2011

Eccomi, l'inviata speciale di questo blog che se ne va alla scoperta dell'Italia e del Mondo, girovagando per la B.I.T. (la Borsa Internazionale del Turismo svoltasi alla Fiera di Milano)..
In questo primo post spero di riuscire a farvi "sentire" quest'esperienza, quasi foste stati miei compagni di viaggio.
La domenica si presentava umida e piovosa, davvero inospitale...


ma, una volta entrata all'interno della Fiera, ho dimenticato in un attimo il grigiore esterno e mi sono tuffata nei mille colori che mi circondavano.


Quando siamo arrivati noi non c'era ancora il pubblico, per cui tutti gli stand erano in fase di trepidante attesa.



Poi, a poco a poco, al silenzio si è sostituito il chiacchiericcio sempre più rumoroso dei visitatori, una folla variegata e curiosa alla scoperta del Mondo.


E', infatti, un viaggio virtuale, ma intenso quello attraverso le varie proposte di paesi vicini e lontani.
Naturalmente io sono partita dallo stand della mia regione, il Friuli Venezia Giulia,


che ho trovato molto arioso e raffinato nella scelta di riprendere nell'arredo i colori del nuovo logo, ossia il bianco, il nero e il rosso.
Ed era davvero "LIVE" l'ambiente che si presentava al visitatore che poteva spaziare tra le offerte dai monti al mare e "farsi un giro" nel simulatore di volo, un'esperienza resa possibile grazie alla collaborazione della pattuglia acrobatica nazionale, le famose Frecce Tricolori.


Sono poi andata alla scoperta dell'Italia


 e del Mondo,

raccogliendo un sacco di depliant su cui sognare viaggi e scoperte assieme ad Elena.
Infine, tornata alla partenza, ho raccolto volentieri l'invito dell'Italian Chair District e ho preso posto

per appuntarmi alcune cose e, soprattutto, gustare una serie di tipicità gastronomiche a cui dedicherò il prossimo post :)
Poi un ultimo giro e tanti desideri... luoghi d'Italia, ma anche Stati Uniti, Spagna, Giappone, Isole greche, Australia


e perchè no..anche posti a me sconosciuti come..l'isola di Anguilla :)
Alla fine ero un po'stanca, tipo lui...


Ma c'erano posti interessanti in cui sostare per gustarsi un cannolo siciliano :9


E singolari rimedi in caso di mal di testa :)


To be continued..

Foto: Cristina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...